> 11 « marzo « 2010 « ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Archivio del giorno 11/03/2010

Appuntamenti di domani 12 marzo

(IlMinuto) – Cagliari, 11 marzo -

Sassari, sino al 20 marzo, Sosushi, mostra “Tsunani”

Terralba, sino al 26 marzo, Circolo culturale d’arte Prometeo, mostra collettiva di pittura “Paesaggi di guerra”

Sassari, sino al 18 marzo, Caffè e Teeria Mannoni, Mostra di Maria Grazia Carta

Cagliari, sino al 4 aprile T Hotel, mostra collettiva “Carta al T”

Cagliari, sino al 20 marzo, Castello di san Michele, X edizione della rassegna multimediale “Di luce e di tempo”

Cagliari, sino al 20 marzo, Spazio Zoom, “Sottocasa” – mostra di Paolo Ghiggini e Patrizia Lombardo

Cagliari, sino al 28 marzo, Cittadella dei Musei, “vietato non toccare” – mostra sensoriale

Sassari, sino al 19 marzo, negozio “Proposte d’interni”, mostra “Fusione di Forme” di Enrik Francesco Ciensi

Cagliari, sino al 18 marzo, Biblioteca regionale, mostra fotografica “Il mondo in una stanza”

Oristano, sino al 31 marzo, mostra “Una vita da rockstar” di Ilaria Corda

Cagliari, sino al 31 marzo, Gallery Caffè, mostra “Una vita da rockstar” di Ilaria Corda

Alghero-Ozieri-Sassari, sino al 13 marzo, mostra Cmyk

Nuoro, sino al 6 giugno, Museo Man, mostra “Capolavori del ’900 italiano. Dall’avanguardia futurista al ritorno all’ordine”

Nuoro, sino al 26 marzo, Caffè Tettamanzi, mostra personale di Nicolina Carta

Villanovaforru, sino al 5 settembre, Museo del Territorio, “Ernesto Che Guevara – Rivoluzionario e Icona”

Cagliari, sino al 12 aprile, Centro comunale “Il Lazzaretto”, “Stazione temporanea dell’Iperrealismo” – mostra

Cagliari, dal 12 al 27 marzo, Mk Spazio Cultura, mostra personale di Gianvittorio “Corallo e Artigianato sardo”

Berlin, Festsaal Kreuzberg, Brinc@ Festival con Balentia, Bentesoi, Lame e Fogli d’Oltremare, Train to Roots

Cagliari, Sala Cosseddu, incontro sul tema “Le gemme incise della Sardegna romana” con Emanuela Cicu

Cagliari, 17.30, Teatro Massimo, va in scena “Il Gabbiano” di Anton Cechov

Quartu Sant’Elena, 18.00, Libreria Primalibri, Paolo Nori legge alcuni estratti da “I malcontenti”

Silanus, 18.00, Auditorium comunale, “Chenapura in s’oru de sa Losa de Osana”

Bolotana,18.30, ex Aula consiliare, aMpI incontra i cittadini

Sinnai, 18.30, Museo Archeologico, incontro con Francesco Casula sul tema “Il grande inganno. 1861-2011. L’unico stato al mondo che non vuole sapere quando è nata, dove è nata e qual è la sua storia”

Cagliari, 20.00, Barrique, “I malconeti di Paolo Nori” – reading dell’autore

Cagliari, 20.30, Teatro Lirico, Concerto dell’Orchestra del Teatro Lirico

Cagliari, 21.00, Teatro Massimo, va in scena “Il gabbiano” di Anton Cechov

Terralba, 21.50, Teatro Civico, proiezione del film “Nazirock”

Thiesi, 22.30, Carrubi, concerto del gruppo “If I die today”

Sassari, 23.00, Pancho Villa, serata musicale

Quartu Sant’Elena, 23.00, Fbi, “Golpe all’Fbi” – serata di “disco-antidisco”

Eurallumina. Schirru (Pd): "Convocare subito tavolo nazionale"

(IlMinuto) – Cagliari, 11 marzo – Occorre rimettere centro dell’attenzione nazionale la vertenza Euroallumina-Rusal con l’apertura di un tavolo di trattativa tra il Governo e la multinazionale russa. E’ quanto sostiene deputata democratica Amalia Schirru, che questa mattina ha presentato un’interrogazione sottoscritta da tutti i parlamentari sardi del Pd. “A distanza di un anno dalla chiusura dello stabilimento – spiega Schirru – proprio in questi giorni è ripresa la mobilitazione dei 400 lavoratori. Non è difficile immaginare che l’esasperazione degli operai possa sfociare in azioni già attuate dai lavoratori dell’Alcoa, solo qualche mese fa”.
“Dopo l’annuncio della multinazionale Rusal di procedere ad un altro anno di cassa integrazione – sottolinea l’esponente democratica – il Governo si era impegnato a riconvocare le parti entro il 15 marzo, pur tuttavia non fornendo nessun chiarimento in merito ai punti del Protocollo d’Intesa disattesi dalla multinazionale”.
“È per questo motivo – conclude – che si è reso necessario riportare all’attenzione nazionale la vertenza dell’Eurallumina, perché si riconvochi urgentemente un tavolo nazionale per fare il punto, trovare una soluzione ragionevole (…) e scongiurare il protrarsi della cassa integrazione”.

Documento: risoluzione della Comissione Diritti civili su rispetto Protocollo Stato-Regione su territorialità pena

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
RISOLUZIONE n.15 della Seconda Commissione permanente (Politiche comunitarie, adeguamento dell’ordinamento regionale agli atti normativi comunitari, apporti con la C.E., cooperazione internazionale, Diritti civili, emigrazione e immigrazione, etnie, informazione) sull’attuazione del Protocollo d’intesa tra Ministero della Giustizia e Regione autonoma della Sardegna.
***************
La Seconda Commissione permanente del Consiglio regionale,
PREMESSO che il Ministero della Giustizia e la Regione autonoma della Sardegna in data 7 febbraio 2006 hanno stipulato un Protocollo d’intesa per la realizzazione di programmi di intervento congiunto nel settore penitenziario, con il comune obiettivo del recupero dei detenuti e del contenimento del fenomeno della criminalità;
PREMESSO che la Seconda Commissione ha approvato, sulle problematiche del settore carcerario in Sardegna, la risoluzione n. 1 del 16 aprile 2009 nella quale invitava la Giunta, tra le altre cose, a verificare lo stato di attuazione del suddetto Protocollo d’Intesa con particolare riferimento all’applicazione del principio generale di territorializzazione della pena;
PREMESSO che la problematica relativa alla concreta applicazione del principio della territorializzazione della pena è stata portata all’attenzione del Consiglio regionale da diverse Amministrazioni comunali, associazioni, ma anche da singoli detenuti e dalla loro famiglie;
RILEVATO che la mancata attuazione della territorializzazione della pena crea gravi disagi ai detenuti sardi e alle loro famiglie rendendo la situazione oramai insostenibile dal punto di vista della violazione dei diritti inalienabili della persona;
CONSIDERATO che i temi affrontati dal suddetto Protocollo, tra cui l’edilizia penitenziaria, il trattamento medico dei detenuti e il reinserimento lavorativo, sociale e culturale rivestono la massima importanza per la nostra Regione e vanno affrontati con estrema urgenza;
TENUTO CONTO che il Protocollo prevedeva l’impegno da parte della Regione a istituire una Commissione interistituzionale permanente con il compito, tra l’altro, di dare esecuzione e prevedere strumenti di verifica e controllo sullo stato di attuazione del Protocollo;
CONSIDERATO, inoltre, che, a seguito della discussione, la Commissione ha ritenuto di intervenire in merito;
INVITA LA GIUNTA REGIONALE
ad attivare tutte misure necessarie all’attuazione del Protocollo d’intesa siglato in data 7 febbraio 2006 tra il Ministero della Giustizia e la Regione Autonoma della Sardegna ed in particolare, a provvedere, con la massima urgenza, all’istituzione della Commissione interistituzionale permanente organismo determinante per la compiuta esecuzione dello stesso.
————————————
La risoluzione  è stata approvata all’unanimità nella seduta antimeridiana del 3 marzo 2010.

Commissione Diritti civili: la Giunta regionale chieda al Governo il rispetto della territorialità della pena

(IlMinuto) – Cagliari, 11 marzo – La Giunta regionale deve attivarsi al più presto per attuare in tutte le sue parti il protocollo d’intesa tra lo Stato e la Regione sulla territorialità della pena. E’ questo l’invito che la Commissione Diritti civili in Consiglio regionale rivolge all’esecutivo Cappellacci con una risoluzione, la numero 15, approvata all’unanimità il 3 marzo. Una risoluzione che il Comitato per la Territorialità della Pena definisce “importantissima”. Un risultato ottenuto grazie al “contributo di movimenti e associazioni che si battono per il rispetto dei diritti civili”.
“La mancata attuazione della territorializzazione della pena – precisa la risoluzione della Commissione – crea gravi disagi ai detenuti sardi (ndr: come nel caso di Bruno Bellomonte, detenuto nel carcere di Siano, Catanzaro, dal luglio 2009) e alle loro famiglie rendendo la situazione oramai insostenibile dal punto di vista della violazione dei diritti inalienabili della persona”. “Il Comitato – si può leggere in una nota – continuerà ad impegnarsi affinché le varie risoluzioni, mozioni e leggi vengano rispettate realmente e non rimangano solo parole”.

Leggi la risoluzione:

http://www.ilminuto.info/notizia.php?id_notizia=1989

 

Euroallumina. I sindacati all’assessore dell’Industria: "L’azienda presenti un nuovo piano industriale"

(IlMinuto) – Cagliari, 11 marzo – Le quotazioni internazionali dell’alluminio continuano a crescere e, ormai, ci sono tutte le condizioni per riprendere la produzione. Con questa convinzione i lavoratori della Euroallumina di Portovesme – dopo avere rallentato il traffico nella strada statale 130 all’altezza di Elmas – si sono recati questa mattina a Cagliari per protestare di fronte alla sede della Regione in viale Trento. I sindacati hanno riportato all’assessore dell’Industria, il giornalista Sandro Angioni, le ragioni dei lavoratori: le organizzazioni sindacali firmeranno l’accordo per un altro anno di cassa integrazione solo se l’Euroallumina metterà sul tavolo delle trattative un nuovo piano industriale per lo stabilimento di Portovesme.