> Consigli culinari: Cocoi de cibudda « ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Consigli culinari: Cocoi de cibudda

Quando sento la mancanza di mia madre, la rivedo sempre in cucina. E’ quello il luogo a cui tornano di continuo i miei pensieri, e mi rivedo aprire l’anta di un pensile, o il frigorifero. Qual era il cassetto con la vecchia scatola di latta della farina? Me lo domando, perché il passare degli anni ha interferito con ciò che un tempo era familiare, spargendo sul cammino cumuli di moderni dettagli che testimoniano del procedere della vita.

(N. Seton, Il circolo della cucina, 2000)

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

1,2Kg di farina
150g di semola
350g di polpa di zucca gialla
una cipolla
una grossa patata
100g circa di viscidu
una dozzina di foglie di cavolo verza
20g di lievito di birra
sale
olio extravergine d’oliva

Schiacciare la patata precedentemente bollita riducendola in poltiglia, indi impastarla sulla spianatoia con farina, semola, sale e lievito diluito con un goccio d’acqua tiepida. Lavorare il tutto sempre con acqua tiepida. L’impasto dovrà risultare omogeneo e sostenuto. Una volta lavorato, lasciarlo lievitare, avvolto in un canovaccio umido in un luogo caldo per circa due ore.
Mondare la cipolla e tritarla finemente. Scottare la polpa di zucca per 7/8 minuti in acqua bollente leggermente salata. Scolarla e tritarla. Trascorso il tempo di lievitazione, amalgamare la cipolla e la zucca all’impasto precedentemente lavorato. Unire il viscidu sbriciolato, un goccio d’olio extravergine d’oliva e un pizzico di sale. Lavorare il tutto. Una volta amalgamato, distribuire il composto a mo’ di pagnotelle in foglie di verza lavate, asciugate e spennellate con olio extravergine d’oliva.
Sistemare le foglie ripiene in una teglia foderata di carta da forno e cuocerle in forno preriscaldato a 200°C per mezz’ora circa. Servire le pagnottelle dentro le foglie.

Vino consigliato: Mandrolisai

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a “Consigli culinari: Cocoi de cibudda”


I commenti sono chiusi.