> giugno « 2010 « ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Archivio di giugno 2010

"Tirrenia non lasci Arbatax". Comitato scrive al presidente Pilia: "Economia ogliastrina a rischio crollo"

(IlMinuto) – Cagliari, 30 giugno – La privatizzazione della Tirrenia rischia di portare all’esclusione dello scalo ogliastrino dalle rotte della compagnia di navigazione. E’ quanto sostiene il Comitato spontaneo per lo sviluppo del Porto di Arbatax con una lettera inviata ai sindaci dei Comuni ogliastrini e al presidente della Provincia Bruno Pilia.
“La nostra paura – si può leggere nel documento – è che con la privatizzazione della società Tirrenia ed il suo passaggio alla Mediterranea Holding per il 37 % in mano della Regione Sicilia, ci sia il pericolo di perdere le navi in servizio nel nostro porto”.
“E’ ormai da diverso tempo – sottolinea lo scritto – che noi chiediamo, senza avere risposte concrete da parte degli amministratori locali e regionali, un interessamento presso il Ministero affinché la privatizzazione sia legata al mantenimento delle attuali linee a tutela dei viaggiatori, siano essi privati cittadini o imprenditori.
Secondo il Comitato, l’esclusione di Arbatax dalle rotte della Tirrenia potrebbe portare al crollo dell’economia di un territorio che ha già un alto tasso di disoccupazione.
“La soppressione delle linee – conclude il Comitato – ci porterà a fare un passo indietro di 25 anni, facendo crollare tutto il sistema economico della provincia e mandando a monte tutti gli investimenti fatti ed in programma per il futuro. La politica ha il dovere morale di dare risposte a chi paga le tasse tutti i giorni e non vuole sentirsi cittadino di serie B, solo fonte di voti per accaparrasi la poltrona in Provincia o in Regione”.

Cinema. Dal "Giardino dei limoni" a "Petropolis": un mese di "Visioni solidali" a Palazzo Ducale

(IlMinuto) – Cagliari, 30 giugno – “Divulgare nel territorio i principi alla base di uno stile di vita più sostenibile nei confronti del sociale, dell’ambiente e del rispetto degli animali”. E’ questo lo spirito che anima la rassegna “Associazioni al cinema – Visioni solidali”, in programma a Sassari a partire dalla settimana prossima.
Dal 5 luglio al 5 Agosto nel Cortile di Palazzo Ducale saranno proiettate le pellicole proposte dalle otto associazioni (Ponti non Muri, Equomondo, noiDonne 2005, Amnesty International, Emergency, Intercanvi, Caritas e Greenepace Italia) che presenteranno le attività e le campagne che le vedono impegnate nel territorio.
La rassegna cinematografica promossa dai gruppi locali delle associazioni, in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune di Sassari, si aprirà lunedì prossimo alle 21.00 con la proiezione di “Il giardino dei limoni”, presentato da Ponti non Muri. Il film – si legge in una nota – propone “una lucida riflessione sui complessi rapporti tra israeliani e palestinesi, con una pungente critica al sistema politico e ai mezzi di informazione”.  
Chiuderà la kermesse la proiezione del documentario “Petropolis”, curata da Greenpeace.
La partecipazione all’iniziativa è gratuita e aperta a tutti.

Referendum: domenica a Santa Giusta nasce il "Comitato per il SI contro il nucleare in Sardigna"

(IlMinuto) – Cagliari, 30 giugno – A pochi mesi dal referendum consultivo si rafforza il fronte degli antinuclearisti sardi. Domenica prossima a Santa Giusta (16.00, Centro giovanile comunale) nascerà infatti il “Comitato per il SI nella lotta contro il nucleare in Sardigna”.
Scopo dell’iniziativa – spiegano gli organizzatori dell’appuntamento – è dare vita ad “un comitato che raccolga tutte le adesioni possibili senza barriere ideologiche o di schieramento di partito, che veda i cittadini, le amministrazioni locali, le forze sociali e sindacali, i lavoratori e le piccole e grandi aziende uniti nel difendere la Sardegna dai pericoli derivanti dal nucleare ed in difesa del diritto dei Sardi di decidere su questo tipo di scelte”.
Nel prossimo autunno, probabilmente ad ottobre, gli elettori dovranno pronunciarsi sul quesito “Sei contrario all’installazione in Sardegna di centrali nucleari e siti per lo stoccaggio di scorie radioattive da esse residuate e preesistenti?”.
Le 16.286 firme a sostegno del referendum sono state raccolte a partire dal novembre 2009 dai militanti di Sardigna Natzione Indipendentzia, che nello scorso febbraio le hanno presentate alla Corte d’Appello di Cagliari.

Caso Giordi: nuovo rinvio dello sgombero forzato. Prosegue la raccolta fondi

(IlMinuto) – Cagliari, 30 giugno - E’ stato rinviato al 9 novembre lo sfratto della famiglia Giordi a San Giovanni Suergiu. Ieri mattina il medico ha nuovamente constatato che le condizioni di salute del signor Virgilio – in sedia a rotelle dopo un ictus cerebrale – non consentono assolutamente lo sgombero.
I Giordi non sono soli nella loro battaglia per il diritto alla casa (la loro abitazione è stata venduta all’asta a causa dei debiti contratti dall’azienda agricola familiare). Anche ieri, come già accaduto a marzo e ad aprile, gli sfrattati hanno ricevuto la solidarietà di decine di cittadini, che hanno presidiato l’abitazione per impedire lo sgombero forzato.
Da qui all’autunno don Tonino, il parroco del paese, proseguirà la raccolta di fondi per consentire al signor Virgilio e alla sua famiglia di riacquistare la casa da chi la ha comprata all’asta per poche migliaia di euro.
“Siamo con l’acqua alla gola – dice la figlia maggiore in una nota su Facebook – ma speriamo nel buon senso della gente. Abbiamo ancora un po’ di tempo, ma sappiamo che non possiamo andare all’infinito”.

"Time in Jazz". L’aria il tema della XXIII edizione del festival di Fresu

(IlMinuto) – Cagliari, 30 giugno – Si terrà dal 10 al 16 di agosto l’edizione numero XXIII del “Time in Jazz” in Sardegna, il festival di mezza estate diretto da Paolo Fresu che ha come teatro Berchidda e alcuni centri limitrofi del Logudoro e della Gallura.
“Proseguendo il ciclo quadriennale dedicato ai quattro elementi naturali”- scrivono gli organizzatori – l’edizione 2010 elegge “l’aria” a tema di riferimento per lo svolgimento della manifestazione musicale. Il percorso prosegue, dunque, sotto il segno della sostenibilità ambientale, dettando l’andamento delle iniziative più direttamente legate alla musica, così come quelle degli eventi collaterali ai concerti, tra i quali la rassegna di film e documentari curata dal regista Gianfranco Cabiddu.
Il grande palco allestito in piazza del Popolo a Berchidda accoglierà i concerti serali. Ma il “Time in Jazz”, come di consueto, si muoverà “dal mattino a notte fonda in località e spazi differenti, dalle chiese campestri ai boschi sulle falde del Monte Limbara” toccando i comuni di Calangianus, Codrongianos, Ittireddu, Monti, Mores, Olbia, Ozieri, Pattada, Telti e Tempio Pausania.
Il programma 2010 è ricco di grandi nomi, tra i quali spiccano quelli di Ornette Coleman, Ralph Towner, Enrico Rava, Dhafer Youssef, Enrico Pieranunzi e Mario Brunello.
Particolare non da poco, Il “Time in Jazz” 2010 avrà un’inaugurazione d’eccezione: in sintonia con il tema della XXIII edizione, il battesimo del progetto avverrà infatti in aria, a bordo di un volo che da Milano Linate porterà a Olbia.
S.P.