> 2010 giugno 23 | ilMinuto

Archivio del giorno 23/06/2010

A Sant’Antonio di Gallura la II edizione della "Sagra della Seadas"

(IlMinuto) – Cagliari, 23 giugno – Il 26 giugno si rinnoverà a Sant’Antonio di Gallura l’appuntamento con la “Sagra della Seadas”, che giunge quest’anno alla sua II edizione.
La seada, dolce della pasticceria sarda, s’inserisce anche nella tradizione gallurese.
Per l’occasione – si legge in una nota – “saranno preparate centinaia di seadas fatte secondo la più autentica e antica ricetta tipica”. Durante la manifestazione in piazza non mancheranno i momenti dedicati ai balli, accompagnati dalla fisarmonica di Gavino Maricca.
F.P.

Agricoltura: donne protagoniste della vitivinicoltura. A Cagliari convegno sul "vino in rosa"

(IlMinuto) – Cagliari, 23 giugno – Cresce anno dopo anno la presenza delle donne, come imprenditrici e lavoratrici, in uno dei settori chiave dell’economia della Sardegna: la vitivinicoltura.
Sarà questo il tema del convegno “Binu ‘e feminas? Novità e qualità se il vino è ‘in rosa’”, in programma venerdì prossimo a Cagliari (9.00, sala convegni della Camera di Commercio).
All’iniziativa – promossa dalla Consigliera regionale di Parità Luisa Marilotti – parteciperanno l’assessore regionale del Lavoro, Franco Manca, l’assessore regionale dell’Agricoltura, Andrea Prato, e la presidente della Commissione Regionale Pari Opportunità Luisella Derosas.
“Oggi – spiega Luisa Marilotti – anche in Sardegna, le donne si stanno qualificando con un peso crescente in un settore da sempre a dominanza maschile, apportando creatività e innovazione, con alta professionalità e specializzazione”.

Finanziaria: venerdì lo sciopero generale della Cgil. In piazza anche la Css

(IlMinuto) – Cagliari, 23 giugno – Continua la mobilitazione contro la manovra finanziaria da 24 miliardi di euro. Dopo lo sciopero del pubblico impiego del 14 giugno (indetto dal sindacalismo di base) venerdì prossimo saranno la Cgil e la Css a scioperare e a scendere in piazza.
“Sono otto – si legge in una nota diffusa dall’ufficio stampa della Cgil – le ore di sciopero indette per venerdì 25 quando, in concomitanza con tutte le città d’Italia, a Cagliari ci sarà la manifestazione della Cgil contro i tagli della Finanziaria nazionale”.  
Da piazza Garibaldi (alle 9.00) partirà il corteo che attraverserà via Garibaldi, via Manno, largo Carlo Felice e via Sassari sino a piazza del Carmine dove, dal palco allestito di fronte alla sede del rappresentante del Governo, interverranno i delegati del mondo del lavoro, dai dipendenti pubblici a quelli delle imprese industriali, e poi gli insegnanti e gli operatori dei call center.
Alla manifestazione ha aderito anche la Confederazione Sindacale Sarda. “E’ ora di dire basta alle manovre finanziarie lacrime e sangue sulla pelle dei più deboli. A pagare – spiega la Css – sono sempre gli stessi: i lavoratori e le fasce di popolazione che hanno necessità assoluta dei servizi sociali erogati dagli Enti Locali a cui si tagliano indiscriminatamente i capitoli di spesa”.
“Il punto – aggiunge il segretario della Camera del Lavoro di Cagliari Nicola Marongiu – è che con i tagli imposti dalla finanziaria sarà ancora più difficile rendere adeguati i livelli delle prestazioni sociali e sanitarie nel territorio”.

"Nato: colpito e affondato". Lannes a Monserrato per svelare i segreti della strage del "Francesco Padre"

(IlMinuto) – Cagliari, 23 giugno – “Cosa sono le vite di cinque pescatori di Molfetta di fronte al bene supremo dell’Alleanza Atlantica da preservare ad ogni costo? Scheletri in fondo al mare. E che lì rimangano per sempre”. Così Andrea Purgatori, il giornalista che cercò di infrangere il “Muro di gomma” di Ustica, chiude la prefazione di “Nato: colpito e affondato”, il nuovo libro di Gianni Lannes.
Un’inchiesta giornalistica sulla strage – avvenuta il 4 novembre 1994 – dell’equipaggio del peschereccio “Francesco Padre” (cinque uomini e un cane). L’imbarcazione – spiega Lannes – fu abbattuta nell’Adriatico, in acque internazionali, da un missile lanciato da un sommergibile Usa nel corso dell’operazione Nato Sharp Guard.
Ma – scrive Purgatori – “contro ogni logica e contro ogni evidenza, l’inchiesta si concluse affibbiando a quei cinque pescatori l’onere della loro stessa morte perché, ipotizzarono i magistrati, trasportavano esplosivo. Da dove, come, per chi, nessuno lo spiegò alle famiglie”.
I risulati dell’indagine saranno presentati dallo stesso Lannes domani sera a Monserrato (Teatro Mo.Mo.Ti, 19.00) in un incontro organizzato da Blogosferatu, Alternativa, Is Mascareddas e MieleAmaro. Introdurrà i lavori il direttore di Megachip Pino Cabras.

Cumpostu (Sardigna Natzione): "Il parco di Gennargentu non passerà. I sardi non lo permetteranno"

(IlMinuto) – Cagliari, 23 giugno – “Siamo alle solite, cambiano i ministri ed i governi ma, per lo stato italiano, il territorio della Sardegna rimane una dote della quale può disporre a piacimento per servitù militari, nucleari e anche ambientali”. E’ quanto afferma il coordinatore nazionale di Sardigna Natzione Indipendentzia, Bustianu Cumpostu, commentando la decisione governativa di inserire nuovamente il Gennargentu nell’elenco aggiornato dei parchi naturali del Ministero dell’Ambiente (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 31 maggio).
La Regione – annuncia il presidente della Regione Ugo Cappellacci – farà ricorso contro il provvedimento. “La legge – dice Cappellacci – prevede che l’istituzione del parco debba avvenire previa intesa con la Regione. Questa intesa da parte nostra non c’è mai stata”.
“Il ministro dell’Ambiente - sottolinea Cumpostu -  si sta sbagliando, quel parco è un esproprio di sovranità, non è passato e non passerà, i sardi non lo permetteranno. Non si lasci ingannare dal fatto che molti di loro si emozionino per le sorti della nazionale italiana. Il rapporto che hanno con la loro terra è molto più forte”.