> luglio « 2010 « ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Archivio di luglio 2010

Pagina 2 di 28

Sla. Salvatore Usala: "A settembre pronti a occupare aeroporti e a sciopero della fame a oltranza"

(IlMinuto) – Cagliari 30 luglio – “Il tempo del dialogo che porta solo parole è finito”. E’ quanto scrive in una lettera aperta Salvatore Usala, malato di Sla protagonista delle lotte per ottenere l’applicazione del protocollo di assistenza 24 ore su 24.
“A settembre – si legge nel documento – la protesta si farà dura e incisiva, non si faranno manifestazioni folkloristiche né tantomeno istituzionali”.
Usala propone di organizzare proteste in ogni Regione “davanti ai rappresentanti del Governo e agli altri obiettivi” sulla base di “rivendicazioni ben precise”, a partire dalla “applicazione immediata del protocollo assistenziale elaborato dalla Consulta”.
“Dovrà essere stanziato – chiarisce – un fondo da 100 milioni di euro cofinanziato dalle Regioni”. Per ottenere l’obiettivo sarà ammessa ogni forma di mobilitazione “dal presidio degli aeroporti allo sciopero della fame a oltranza e in piazza”.

"Contenzione" nel Servizio Psichiatrico di Cagliari. Espa (Pd): "Pratica pericolosa per la vita dei pazienti"

(IlMinuto) – Cagliari 30 luglio – Il presidente della Giunta regionale, Ugo Cappellacci, e l’assessore regionale della Sanità, Antonello Liori, sanno che nel Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura 1 di Cagliari è ripresa la pratica della “contenzione” dei pazienti?
E’ quanto chiede agli esponenti della Giunta regionale una interrogazione sottoscritta da alcuni consiglieri del centrosinistra, primo firmatario Marco Espa (Pd).
“Secondo quanto riportato recentemente dalla stampa – scrivono i consiglieri – sembra si pratichi tuttora la contenzione nei confronti di pazienti ricoverati in trattamento sanitario obbligatorio, con i gravi rischi che tale pratica può comportare, oggettivamente per la vita delle persone, stando all’evidenza di ciò che è purtroppo successo nel passato con la morte di un paziente”.
“La pratica – sottolinea l’interrogazione – “è di fatto pericolosa per la vita dei pazienti”.
La ripresa della pratica della contenzione era stata denunciata la scorsa settimana da Gisella Trincas, presidente Associazione sarda per l’Attuazione della Riforma psichiatrica. “Nel Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura 1 di Cagliari, diretto da Paolo Turri – aveva scritto Trincas – si continuano a violare i diritti umani. Un giovane ragazzo di poco più di 20 anni, al suo primo ricovero (in trattamento sanitario obbligatorio) è legato in un letto di questo servizio”.

"Occhi du MòPhotocontest": dall’8 agosto a Carloforte i protagonisti della fotografia mondiale

(IlMinuto) – Cagliari 30 luglio – Tre giorni interamente dedicati alla fotografia tra mostre, street gallery, conferenze e workshop. Saranno questi gli ingredienti della seconda edizione del Festival “Occhi du MòPhotocontest”, che si terrà a Carloforte dall’8 al 10 agosto.
Come già per l’edizione 2009, Denis Curti, direttore della sede milanese di Contrasto, fra le più importanti agenzie fotografiche nel mondo, e Salvatore Ligios, docente di fotografia dell’Accademia di Belle Arti di Sassari, saranno tra gli ospiti d’onore della manifestazione.
Tra i grandi nomi anche quello della fotografa Monica Bulaj, che – si legge in una nota – “pubblica reportage sui confini delle fedi, popoli nomadi e diseredati”. E ancora, Alessandra Menesini, curatrice e critico d’arte, e Ercole Bartoli, Responsabile della Fondazione per l’arte Bartoli – Felter.
La manifestazione culturale, patrocinata dal Comune e dalla Pro Loco di Carloforte, sarà realizzata con il contributo della Provincia di Carbonia Iglesias.

S.P

La rabbia dei pastori. "Comparto all’estinzione". Domani assemblea a Elmas. A settembre tutti in piazza a Cagliari

(IlMinuto) – Cagliari 29 luglio – “Affrontare una nuova battaglia per cambiare una situazione vergognosa che da troppo tempo sta portando il nostro comparto allo sfascio e all’estinzione”. Con questo proposito il Movimento Pastori Sardi ha organizzato per domani ad Elmas (8.00, Istituo Agrario Duca degli Abruzzi) una assemblea aperta a tutti gli operatori del settore.
I partecipanti all’incontro metteranno a punto una “piattaforma politico-economica” per il rilancio del settore, sulla base di una bozza elaborata da Mps.
Il Movimento pastori sardi propone, fra le altre cose, “l’abbattimento dei costi di trasporto con l’applicazione della continuità territoriale già riconosciuta dall’Unione Europea” e la “realizzazione di piccoli mattatoi comunali o zonali per valorizzare le nostre carni e togliere il monopolio ai pochi commercianti che hanno azzerato il valore delle nostre carni”.
Alla definizione della piattaforma seguirà la mobilitazione dei lavoratori del comparto, con una serie di incontri in programma in tutta l’Isola e una grande manifestazione di piazza: a settembre i pastori sardi sfileranno per le strade di Cagliari.

Concerti: il Jazz di George Benson conquista il pubblico di Oristano

(IlMinuto) – Cagliari 29 luglio – Ha preso il via da Oristano il tour estivo di George Benson. Martedì notte la piazza della chiesa di Santa Maria Assunta era gremita di fan consolidati, musicisti ed estimatori del celebre cantante e chitarrista di Pittsburgh, ma erano tanti anche i turisti che non si sono fatti scappare l’occasione di sentire dal vivo uno dei giganti del Jazz e del R&B made in Usa.
Sul palco un set di turnisti di massimo livello: dal fedelissimo Michael O’Neill, versatile chitarrista e corista, al tastierista e compositore David Garfield, coadiuvato dall’esperto Tom Hall addetto alla riproduzione dei vari pad e fiati – immancabili nel “Benson-style” – e da una sezione ritmica formata dall’inesauribile Stanley Banks e da John “Little” Roberts alla batteria.
Alle 22.00 la band ha aperto le oltre due ore d’esibizione – organizzata nell’ambito del Festival Dromos – con la ben nota “Collaboration”, per poi passare a “Love for Love”. Brani di grande successo commerciale che hanno consentito a Benson di rompere il ghiaccio con un pubblico inizialmente un po’ distaccato.
Alle prime note di “The Masquerade” i presenti hanno potuto riconoscere il George Benson degli esordi. Con la leggera  “Breezin’” l’artista ha dato prova ancora una volta delle sue abilità e qualità jazzistiche, ma è stata “Give Me the Night” a fare alzare in piedi il pubblico, ormai totalmente coinvolto dalla magia del Jazz di Benson.
Verso la fine, sulle note di “Never Give Up On A Good Thing” il chitarrista della Pennsylvania ha impedito a chiunque di riprender posto, continuando a muoversi sul palco in un R&B incalzante, solo leggermente rallentando su “On Broadway” e sulla sensuale “Shiver”.
Il concerto è terminato con un bis chiesto a gran voce dai fan, già “preventivato” nella scaletta dei brani, terminando con “Brazilian Stomp” e lasciando un pubblico che ancora teneva il ritmo battendo le mani mentre i componenti del gruppo scendevano dal palco.
A.L.