> 23 « luglio « 2011 « ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Archivio del giorno 23/07/2011

Amore e Carne: Pippo Delbono alla “Notte dei Poeti”

Tatro Civico di Castello(IlMinuto) – Cagliari, 23 luglio – “Questo concerto è il mio incontro con il violino. Il violino che suonava mio padre alla sera quando tornava da lavorare. Il violino che un giorno ha venduto. Il violino che non ho sentito più suonare. Il violino che appartiene ad un presunto legame familiare che tengo con Nicolò Paganini. Il violinista del demonio. Quando ho ascoltato Alexander Balanescu suonare il violino ho sentito in lui quelle note che uscivano come urli dell’anima. Ho risentito quelle note che non mi facevano dormire la notte da piccolo. E ho sentito in lui il canto di altre vite, di esili, di fierezze di un popolo, il canto di una terra bella e amara: la Romania. La voce e il violino si sono avvicinate mischiandosi con le parole di Pasolini, di Rimbaud, di Whitman, di Eliot, per cercare di trovare quei fili segreti, magici forse, che uniscono le persone, le storie, al di là delle differenze, al di là delle nazioni, della lingua, al di là dell’essere ancora qui vivi, al di là dell’essere già partiti. Chissà, forse la musica è quel racconto segreto che unisce, e dà armonia alle cose”. Lascia attoniti e commossi Pippo Delbono, uomo di teatro e di viaggi: quando nella serata di giovedì calca il palcoscenico, per la prima volta in terra sarda, perla preziosa de “La notte dei poeti” con il suo “Amore e carne”, quando racconta sulla terrazza del bastione San Remy il suo “Dopo la battaglia – Scritti poetico politici” edito da Barbès, raccolta dei suoi scritti, in gran parte apparsi su quotidiani e riviste italiani e francesi dal 2004, sguardo lucido sull’Italia, sul teatro, la televisione e la cultura. Continua a leggere ‘Amore e Carne: Pippo Delbono alla “Notte dei Poeti”’

“Scritora e cantadora po sa natzioni mia”. Intervista a Paola Alcioni

Paola Alcioni(IlMinuto) – Casteddu, 23 de su mesi de argiolas – Segundu apuntamentu po “Ndi chistionaus impari”, sa fentana noa de “IlMinuto” chi chistionat de sa língua sarda e de sa política linguística. Custa cida sa redatzioni intervistat a Paola Alcioni: scritora e cantadora a serbítziu de sa Sardìnnia

Paola Alcioni: un’intellettuali impinniada po sa lìngua sarda. Poita?
Po sa Natzioni mia. Poita cust’arrichesa manna – custa língua bia, aresti e chi no bàliat ordinagus, siat un’aina forti de libertadi. Creu cun firmesa chi sa genti, cun su médiu de sa língua sua, si potzat mellus incurai de “essi” issa etotu. Custu est de importu mannu, candu una natzioni (terra e genti) s’agatat in cadenas. Sentza de sa màscara de su “cumparri” italianus – chi si bolit cosiri cun agullas de fogu in cara, in carena e in s’ànima su programa de assimilatzioni chi seus sunfrendi de su stadu colonizadori – podeus piscai de s’arcivu ‘e sa memória, bivi e ponni in pràtica, is baloris de sa curtura nosta. E ddus podeus trasmiti ínnidus a su benidori, a fillus nostus. Sceti a pustis de custu trabballu de “ri-mebramento” de sei, si podit pentzai a ponni in raportu una calisisiat cultura cun is àteras, partendi de unu pranu de paridadi, e no de sudditàntzia. Sceti apustis de custu passàgiu seu arrennéscia a m’intendi bilíngui, sentz’e intendi unu scórriu in s’ànima.

Continua a leggere ‘“Scritora e cantadora po sa natzioni mia”. Intervista a Paola Alcioni’