> 2011 settembre 03 | ilMinuto

Archivio del giorno 3/09/2011

“Totu is chi tenint su poderi, su bilinguismu diaderus no ddu bolint”. Intervista a Amos Cardia

lingua sarda(IlMinuto) – Casteddu, 3 de su mesi de cabudanni – Cuartu atopu po “Ndi chistionaus impari”: sa fentana noa de “IlMinuto” chi chistionat de sa língua sarda e de sa política linguística. Custa cida sa redatzioni at intervistau a Amos Cardia, nàsciu in su 1975, intre is àteras cosas autori de su líburu “S’Italianu in Sardìnnia” e membruu de s’Acadèmia Campidanesa de sa Lìngua Sarda.

Amos Cardia e sa bàtalla po su sardu: si contat custa istòria? Comenti est nàscia e comenti est cambiada in is annus?
Sa batalla cumentzat a giòvunu, faci a bintixinc’annus, a intrus de mei e totu, cun su scuntròriu intru de una curtura coloniali, chi no mi portàt a nudda, e un’identidadi sarda totu de scuberri e de fai. Apu tentu sa sorti de nasci e cresci giai chistionendi in sardu, po cussu, tenendi giai sa lìngua, apu coitau a mi torrai a pigai su tempus e su prexu chi sa curtura coloniali mi iat fatu perdi. In is annus, su prus cambiamentu mannu de custa batalla est stètiu de no depi prus cumbati s’arratzismu coloniali, cumenti fiat a printzìpiu, ma s’arratzismu de una parti de Sardus contras a un’atra parti de Sardus e totu, de genti chi si creit prus de is atrus sceti ca est de unu logu e no de un’atru. Custa genti est pagu, est una minoria pitica, ma fait dannu meda ca ddus agatas in is logus de cumandu, e de inguni funt bonus a firmai totu sa cosa bella chi faint is atrus Sardus. Dda firmant sceti ca unu, giustamenti, no si bolit bendi a issus e no ddis bolit fai de tzeracu. Continua a leggere ‘“Totu is chi tenint su poderi, su bilinguismu diaderus no ddu bolint”. Intervista a Amos Cardia’

La Sardegna a Berlino. Maurizio Rocca e il Caffè degli Artisti

sardi in Germania(IlMinuto) – Cagliari, 3 settembre – Berlino è probabilmente la città che meglio di altre si candida a rappresentare la storia contemporanea dell’Europa. Città dal passato travagliato, divisa a lungo da un Muro che ha segnato il confine non solo tra due diverse nazioni, ma tra due modelli politici ed economici in netta rivalità, facendo della capitale tedesca il principale campo di battaglia della Guerra Fredda. Una città troppo a lungo dominata dalla paura, dalla divisione, dal terrore, con il crollo del Muro ha incominciato un nuovo processo di riunificazione e crescita – che ancora oggi non ha completato il suo corso – in un clima festoso, quasi estatico, che ha portato numerosi giovani e non da tutto il mondo a sceglierla come meta delle vacanze e, in alcuni casi, come residenza. Italiani e sardi non sono certamente immuni dal fascino straordinario che Berlino esercita sui propri visitatori: la comunità italiana è infatti la terza della città. I sardi a Berlino sono oltre duemila. Come sempre l’espatrio non è una scelta facile, soprattutto in una città dal clima e dalle abitudini così diverse da quelle sarde come la capitale tedesca. Eppure la comunità sarda berlinese è numerosa, integrata e conduce una vita culturale fervida. “Penso che Berlino rispetto a qualsiasi altro posto, sia una scelta anomala per ‘espatriare’”, spiega Maurizio Rocca, classe 1971, titolare del “Caffè degli Artisti” nel multietnico quartiere di Kreuzberg. Continua a leggere ‘La Sardegna a Berlino. Maurizio Rocca e il Caffè degli Artisti’