> 2011 settembre 24 | ilMinuto

Archivio del giorno 24/09/2011

“Cun sa LSC apamus fatu passos mannos a dae in antis”. Intervista a Gianluigi Stochino

lingua sarda(IlMinuto) – Casteddu, 24 de su mesi de cabudanni – Torrat “Ndi chistionaus impari”, sa fentana noa de “IlMinuto” chi chistionat de sa língua sarda e de sa política linguística. Custa cida sa redatzioni at intervistau a Gianluigi Stochino: professori de italianu chi de annus meda est impiniau in s’avaloramentu de sa língua nostra. Giai operadori de Isportellu po s’Ofítziu de sa língua sarda in Nùgoro e maistu po sa Provìntzia de Aristanis, oi Stochino scririt po Eja, su periódicu dirigiu de Diegu Corràine

Gianluigi Stochino e sa língua sarda: si contat custa istória?
S’impinnu pro sa limba sarda est cumintzadu comente interessu personale, pustis est devènnidu impignu pùblicu e in carchi situatzione finas una professione. Difatis, giai dae sende minore, apo incumintzadu a amare custa limba ca l’intendia in domo e deo preferia, cun chie podia, a rispòndere in sardu. In prus, est istada pro mene una fortuna a tènnere unu babbu e una mama de biddas diferentes e a largu meda intre issas, gasi apo pòdidu impare medas sonos de sa limba nostra, cosa mi m’at agiudadu a cumprèndere chi su sardu càmbiat dae una bidda a s’àtera in sa pronùntzia, ma no in sa sustàntzia. Pustis, creschende, apo cumprèndidu semper de prus s’importàntzia de sa limba comente elementu fundante de s’identidade de unu pòpulu e bidende·la in perìguglu de iscumparta mi so impinnadu in iniziativas voluntàrias collaborende in su situ de noas internet sardinna.info, le Monde Diplomatique in sardu e àteras cosas. Pustis est incumintzada s’esperièntzia in s’Ufìtziu de sa Limba Sarda in Nùgoro e comente formadore in sa Provìntzia de Aristanis. Como collàboro in su mensile sardu EJA.

Su sardu e is fueddadas suas: ita ndi pensat de s’impreu de una fueddada scéti comenti “língua de s’ísula”?
Continua a leggere ‘“Cun sa LSC apamus fatu passos mannos a dae in antis”. Intervista a Gianluigi Stochino’

Università di Cagliari: 15mila fuori corso a rischio decadenza. Intervista a Katiuscia Ragatzu, studentessa in lotta

(IlMinuto) – Cagliari, 24 settembre – “Decadenza” è un termine dai significati più disparati, ma nell’Ateneo cagliaritano significa una sola cosa e raccoglie in sé ben 15mila persone. Con il Regolamento Carriere Universitarie del maggio 2010, infatti, il Rettore Giovanni Melis ha stabilito la decadenza per gli studenti fuori corso. Senza obbligo di avviso da parte dell’Università. I primi a decadere – il 30 aprile del 2012 – saranno gli studenti del Vecchio Ordinamento e quelli immatricolati alle lauree triennali negli anni accademici 2000/01 e 2001/02. Persone che hanno regolarmente versato le tasse e le sovra-tasse per gli anni fuori corso, che per i motivi più diversi non hanno completato gli studi nei tempi stabiliti, ma che, non per questo, hanno meno diritti come cittadini e come studenti. Il 14 Settembre alcuni studenti dell’Università di Cagliari hanno partecipato a una manifestazione indetta dalla Cgil grazie all’intervento di Katiuscia Ragatzu, studentessa di Scienze dell’Educazione anch’essa toccata dal Regolamento Carriere 2010.

Katiuscia Ragatzu, come è giunta all’incontro con i sindacalisti della Cgil?

Continua a leggere ‘Università di Cagliari: 15mila fuori corso a rischio decadenza. Intervista a Katiuscia Ragatzu, studentessa in lotta’

Danze, tamburi e lotta senegalese. Successo al Poetto per il primo Torneo di Laamb

(IlMinuto) – Cagliari, 24 settembre – Le danze rituali degli atleti prima degli scontri, i canti ossessivi e il ritmo dei tamburi che accompagnano i combattimenti. Come tutte (o quasi) le arti marziali, il Laamb, la lotta del Senegal, non è solo uno sport, ma è forse soprattutto l’espressione della cultura di un popolo. La sera di sabato 17 settembre il Poetto di Cagliari ha ospitato il primo Torneo di lotta senegalese in Sardegna, terra che ospita circa 5mila immigrati dal paese africano. La serata – organizzata dall’associazione Sunu Gaal in collaborazione con la società di ginnastica Eleonora d’Arborea – è stata aperta da una breve dimostrazione di atleti sardi, che hanno illustrato la differenza fra la lotta greco-romana, quella libera e la sarda Istrumpa. Agli incontri di Laamb hanno partecipato otto combattenti (quattro senegalesi e quattro isolani) in un torneo ad eliminazione diretta. Continua a leggere ‘Danze, tamburi e lotta senegalese. Successo al Poetto per il primo Torneo di Laamb’