> “Stop all’occupazione militare italiana”. Il movimento indipendentista dice no alla caserma di Pratosardo | ilMinuto

“Stop all’occupazione militare italiana”. Il movimento indipendentista dice no alla caserma di Pratosardo

(IlMinuto) – Cagliari, 20 ottobre – L’intero movimento indipendentista sardo è pronto a continuare ad opporsi alla costruzione della caserma di Pratosardo, a Nuoro, e a chiedere una alternativa per lo sviluppo del territorio. E’ quanto è stato detto ieri mattina in una conferenza stampa nella sede nazionale di a Manca pro s’Indipendentzia di via Aurelio Saffi, a Nuoro, con la partecipazione del dirigente di aMpI, Giorgio Devias, e del consigliere provinciale di ProgRes Bobore Bussa. Quello della caserma – ha precisato Bussa – è un classico esempio di come “lo stato italiano si ritira dalla Sardegna, chiudendo i servizi utili alla popolazione, ed estendendo invece la sua presenza con l’occupazione militare e altre forme oppressive come Equitalia”. Devias ha invece fatto un po’ di conti. “I 24 milioni di euro stanziati per la caserma – ha precisato l’esponente di aMpI – darebbero un salario minimo di 1200 euro a 47 persone […] con una attività che incrementerebbe l’economia e l’occupazione. Questa caserma da 24 milioni di euro sarà invece costruita usando 12,3 milioni di fondi pubblici sottratti all’edilizia universitaria”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a ““Stop all’occupazione militare italiana”. Il movimento indipendentista dice no alla caserma di Pratosardo”


I commenti sono chiusi.