> Documento: PETIZIONE BILINGUE Al Rettore dell’Università di Sassari e Al Presidente della Regione Sarda « ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Documento: PETIZIONE BILINGUE Al Rettore dell’Università di Sassari e Al Presidente della Regione Sarda

Sos istudentes de su sòtziu Su Majolu sun collinde sas firmas pro pedire a sas Universidades sardas e a sa Regione, chi ponzan duos cursos de laurea nobos pro formare sos mastros e sos professores de sardu. Custa petitzione l’amus presentada su 22 de santugabinu ind unu cunvegnu organizau dae nois in s’Aula magna de s’Universidade de Tàtari e l’amus fata lèghere a su Retore Mastino.

Chiesisiat chi nos cheret azudare, nos podet cuntatare a sos numeros 3299694001, 3475725313, 3481225173, a sa mail pierluigi.caria@yahoo.it o in facebook http://www.facebook.com/pages/gruppo-studentesco-Su-Majolu/245523445486563 .

A su Retore de s’Universidade de Sàssari

A sos Présides de sas Facoltades de s’Universidade de Sàssari

A su Presidente de sa Regione Autònoma de sa Sardigna

A s’Assessore po sa Púbbrica Istrutzione de sa RAS

A su Cussizu Regionale sardu

A su Retore de s’Universidade de Castedhu

Nois Istudentes de s’Universidade de Sàssari

Nois totu Triballadores

-Bidu chi su prus de sos Sardos faedhant sa limba sarda, su 64,8% segundhu sa chirca Le lingue dei Sardi. Una ricerca sociolinguistica pubbricada in zennarzu su 2007, chirca chi aiat ordinadu s’Assessoradu pro sa Púbbrica Istrutzione de sa RAS a su Dipartimentu de Isciéntzias de su limbazu de sa Facoltade de Líteras de s’Universidade de Sàssari e a su Dipartimentu Chircas Económicas e Sociales de sa Facoltade de Isciéntzias Políticas de s’Universidade de Castedhu.

- Bidu chi, segundhu sa matessi chirca, sa percentuale lompet a su 97,4%, si si contant sos chi lu faedhant o nessi lu cumprendhent

- Bidu chi sos zòvanos chi ischint faedhare su sardu sunt prus de su 50% fintzas in sa classe de edade dae 15 a 24 annos.

- Faghinde contu chi s’iscola e s’Universidade in Sardigna ant fatu unu triballu chi de seguru at batidu a una pérdida de sa limba e de sa cultura de sos Sardos.

- Faghinde contu chi s’iscola e s’Universidade, coment’e istitutziones, ant tentu s’impreu de omologare in sa limba italiana totu sos tzitadinos de s’Istadu italianu e in Sardigna tenent una responsabbilidade grave in s’iscontróriu e irbandhonu de su sardu.

- Faghinde contu chi custa diseducatzione at avilidu su càrculu chi iscolanos e istudentes faghent de sa limba e de sa cultura issoro e che lis at incaschetadu una farta de seguresa e de fide in issos etotu, alienatzione e sentidos de menisprésiu.

- Cussideradu chi est su sardu sa limba de sos Sardos (e segundhu ite est sa limba de una cumpeténtzia fintzas professionale) e cun prus seguresa est sa limba de sos triballadores sardos.

- Cussideradu chi a medas pitzinnos e zòvanos sardos si lis negat ancora oe su diritu, riconnotu e istabbilidu cun sas lezes de s’Unione Europea e de su Cossizu de s’Europa, pro chi tenzant s’istrutzione in sa limba naturale issoro.

- Cussideradu chi totu sos iscolanos e istudentes sardos chi oe no l’ischint faedhare tenent su diritu de imparare su sardu, sa limba de sa zente, de sa cultura e de s’istória issoro chi lis permitit de èssere zente cun zente cun totu s’identidade chi la distinghet.

- Cussideradu chi sos Sardos totugantos tenent su diritu de faedhare sa limba issoro coment’e limba de sa normalidade de su èssere zente in su logu, e tandho fintzas in totu sas istitutziones e prima de totu sas iscolas e Universidades.

- Cussideradu chi, a sos dannos chi at fatu, s’iscola podet e depet rimediare, tocat puru chi cantu prima comintzet a dare s’imparu in sardu e cuncordet una didàtica in sardu in totu sas iscolas, in totu sos grados de s’istrutzione, in totu sa Sardigna e, cun totu sos matessi motivos e cussideros, ateretantu fetat pro totu sas àteras limbas de Sardigna (saligheresu, tabbarchinu, turritanu e cadhuresu) in logos issoro.

- Cussideradu chi custos annos colados si est comintzadu a isperimentare s’imparu de matérias de istúdiu fatu in sardu in oràriu normale in d-unas cantu iscolas e chi ocannu puru sighit custa isperimentatzione promovida e finantziada dae s’Assessoradu pro sa Púbbrica Istrutzione de sa RAS.

Semus cumbintos chi pro pònnere su sardu coment’e matéria de istúdiu e manizare su sardu in sa didàtica in totu sas iscolas primàrias e segundhàrias de sa Sardigna tocat de ammanitzare a presse su personale docente.

E sigomente pro fàghere sa professione docente bi cheret una làurea chi assiguret sa formatzione netzessària professionale e iscientífica de sos mastros, cheret chi a totu cudhos chi punnant a fàghere custa professione si lis cuncordet apostadamente unu CURSU DE LÁUREA chi sas Universidades sardas tenent su pertzisu dovere de istituire.

PRO CUSSU ETOTU PEDIMUS

> DE istituire de s’a.a. 2012-2013 su cursu de làurea pro sa Formatzione Primària in Limba Sarda abbilitante a sa docentza in sardu e a sa didàtica de su sardu in sas iscolas elementares e prima iscola.

> DE istituire de s’a.a. 2012-2013 su cursu de làurea in Limba e Literadura Sarda abbilitante a sa docentza de su sardu e de àteras matérias umanísticas in sas iscolas médias e superiores.

Pro totu su chi pertocat sa formatzione chi custu cursu si proponet, a totu cudhos chi ant a èssere docentes de sardu, a prus de cantu s’istúdiat cun sos cursos de làurea in Líteras, si lis depet imparare:

– sa limba sarda faedhada e iscrita;

– linguística e glotologia de su sardu, cun prus pertzisione fonologia e fonosintassi de totu sas faedhadas;

– su manizu faedhadu e iscritu de totu sas faedhadas;

– sas printzipales propostas de regularizatzione istandard fintzas pro unu probbàbbile séberu, in sos annos imbenientes, de unu sardu istandard non solu pro sos documentos in essida a manizu de sa RAS ma fintzas pro lu impitare in sos ufítzios púbbricos e in sas iscolas;

- sa literadura sarda, sa filologia e s’istória de sa limba sarda.

> DE istituire de s’a.a. 2012-2013 un’esame de limba sarda in totu sos cursos de làurea de totu sas Facoltades.

———————————————————–Traduzione in italiano————————————————————

Al Rettore dell’Università di Sassari

Ai Presidi delle Facoltà dell’Università di Sassari

Al Presidente della Regione Autonoma della Sardegna

Al Consiglio Regionale sardo

All’Assessore alla Pubblica Istruzione della RAS

Al Rettore dell’Università di Cagliari

I sottoscritti studenti dell’Università degli studi di Sassari

I sottoscritti lavoratori sardi

- Premesso che la maggioranza della popolazione ha una competenza attiva della lingua sarda, il 64,8% dei sardi, secondo la ricerca pubblicata nel gennaio del 2007 “Le lingue dei sardi. Una ricerca sociolinguistica”, (ricerca affidata dall’ Assessorato alla Pubblica Istruzione della regione Sardegna al Dipartimento di Scienze dei linguaggi della Facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Sassari e al Dipartimento Ricerche Economiche e Sociali della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Cagliari).

- Premesso che la percentuale sale fino a comprendere la quasi totalità dei sardi se consideriamo sia coloro che hanno una competenza attiva, sia coloro che hanno una competenza solo passiva della lingua sarda , il 97,4% per l’appunto, secondo la succitata ricerca.

- Premesso che, nonostante la percentuale di coloro che hanno una competenza attiva della lingua sarda scenda tra i giovani, rimane comunque sopra il 50% anche nella classe di età 15-24 anni.

- Constatato che la scuola e l’Università in Sardegna hanno avuto storicamente un ruolo determinante nella regressione della lingua e della cultura proprie dei sardi.

- Constatato che in quanto strumento di un preciso progetto volto ad omologare linguisticamente tutti gli abitanti dello stato italiano, la scuola e l’Università in Sardegna sono state tra i responsabili di una durissima repressione linguistica.

- Constatato che questa prassi educativa ha svilito negli studenti e negli scolari la considerazione della propria lingua e della propria cultura ed ha inculcato nella loro mente insicurezza, alienazione linguistica e sentimenti autorazzisti.

- Considerato che il sardo è la lingua della nostra società e in molti contesti lo è anche più dell’italiano. Ad esempio è la lingua più usata in molti comparti produttivi, come la pastorizia, l’agricoltura, l’edilizia e molti altri; e più in generale è la lingua propria delle classi lavoratrici sarde.

- Considerato che a moltissimi bambini e ragazzi sardi viene ancora negato il diritto, riconosciuto dalle leggi dell’Unione Europea, di ricevere un’istruzione nella propria madrelingua.

- Considerato che tutti gli studenti e gli scolari sardi che non lo sanno parlare hanno il diritto di imparare il sardo, la lingua propria del loro popolo e il codice che gli permette di interagire con la propria realtà e di integrarsi ed identificarsi a pieno con la propria cultura e la propria società.

- Considerato che tutti i sardi hanno il diritto di esprimersi nella propria lingua in tutti i contesti, ivi compresi gli uffici pubblici, le scuole e le Università della Sardegna.

- Considerato che ai guasti causati dalla scuola può rimediare solo la scuola, e perciò è necessario iniziare quanto prima l’insegnamento del sardo e della didattica in lingua sarda in tutte le scuole di ogni ordine e grado della Sardegna (e l’insegnamento delle altre lingue parlate storicamente dai sardi, l’algherese, il carlofortino, il turritano e il gallurese e di tutta la didattica in queste lingue, nei comuni dove sono parlati).

- Considerato che negli scorsi anni è iniziata la sperimentazione dell’insegnamento e dell’utilizzo veicolare della lingua sarda in orario curricolare in diverse scuole della Sardegna.

- Considerato che anche quest’anno continuerà questa sperimentazione, promossa e finanziata dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione della Regione Autonoma della Sardegna.

Reputiamo che, per introdurre l’insegnamento del sardo e della didattica in sardo in tutte le scuole primarie e secondarie della Sardegna, sia necessario formare da subito il futuro personale docente.

Dal momento che per svolgere la professione di insegnante vi è bisogno di una laurea che attesti e garantisca la preparazione professionale e scientifica del docente, reputiamo che sia necessario per i futuri insegnanti formarsi con appositi corsi di laurea che le Università sarde hanno il dovere d’istituire.

PERTANTO CHIEDIAMO

> Che venga istituito a partire dall’a.a. 2012-2013 il corso di laurea in “Scienze della Formazione Primaria in Lingua Sarda” che sia abilitante per l’insegnamento del sardo e di tutta la didattica in lingua sarda nelle scuole elementari e dell’infanzia.

> Che venga istituito a partire dall’a.a. 2012-2013 il corso di laurea in “Lingua e Letteratura Sarda” abilitante all’ insegnamento del sardo e delle altre materie umanistiche nelle scuole medie e superiori.

Per quanto riguarda gli obbiettivi formativi, ai futuri insegnanti di sardo oltre alle conoscenze trasmesse dai due corsi di laurea in Lettere e in Scienze della Formazione Primaria dovrà essere insegnata:

- la lingua sarda scritta e orale;

- la linguistica e la glottologia sarda, con particolare riferimento ai fenomeni fonetici e fonosintattici che rappresentano la principale differenziazione tra una variante e l’altra e che se conosciuti delineano ed evidenziano la sostanziale unità della lingua sarda ;

- dovrà essere trasmessa la conoscenza di tutti i dialetti sardi sia nel parlato che nello scritto, come è necessario data la situazione dei sardoparlanti che conoscono la propria lingua ognuno nel proprio dialetto;

- dovranno essere insegnate tutte le proposte più importanti di standard ufficiale, come è necessario data la probabile approvazione nei prossimi anni di uno standard (o più standard) non solo per i documenti in uscita dalla regione ma per l’uso del sardo in tutti gli uffici publici e nelle le scuole;

- dovrà essere insegnata la letteratura sarda, la filologia sarda e la storia della lingua sarda.

> Che venga istituito a partire dall’a.a. 2012-2013 un esame di lingua sarda in tutti i corsi di laurea di tutte le Facoltà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a “Documento: PETIZIONE BILINGUE Al Rettore dell’Università di Sassari e Al Presidente della Regione Sarda”


I commenti sono chiusi.