> Sdr: appello al Direttore del carcere San Sebastiano di Sassari per un detenuto in sciopero della fame e della sete | ilMinuto

Sdr: appello al Direttore del carcere San Sebastiano di Sassari per un detenuto in sciopero della fame e della sete

(IlMinuto) – Cagliari, 20 giugno – Sono ormai 10 i giorni di sciopero della fame di Pasquale Concas, 44 anni, originario di Tortolì, recluso nel carcere San Sebastiano di Sassari. “Un gesto di autolesionismo estremo quale il rifiuto di cibo e di acqua, – afferma Maria Grazia Caligaris, presidente dell’associazione Socialismo Diritti Riforme – in particolare da parte di un detenuto, non può lasciare indifferenti”. “Non servono irrigidimenti ma è indispensabile il dialogo”. Concas rifiuta cibo e acqua per protesta, in quanto gli è stata stata rigettata, perché ritenuta inammissibile dal Tribunale di Sorveglianza di Sassari, la richiesta di semilibertà dopo un anno di distanza dalla revoca della misura”. “L’interpretazione dei Magistrati di Sorveglianza rispetto ai tre anni necessari per ripresentare la domanda di semilibertà – sottolinea Caligaris – appare decisamente restrittiva considerando che il detenuto ha trascorso in carcere 18 anni, senza alcuna nota negativa di comportamento e che nel 2015 finirà di pagare il suo debito con la società”.

S.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a “Sdr: appello al Direttore del carcere San Sebastiano di Sassari per un detenuto in sciopero della fame e della sete”


I commenti sono chiusi.