> 2012 luglio 31 | ilMinuto

Archivio del giorno 31/07/2012

Inceneritore di Macomer, ricorso europeo di associazioni e comitati

(IlMinuto) – Cagliari, 31 luglio – Il no al “nuovo” inceneritore di Macomer arriva in Europa. Le associazioni ambientaliste Amici della Terra, Gruppo d’intervento giuridico, i Medici per l’Ambiente, il Comitato “Non Bruciamoci il Futuro” di Macomer, il Comitato per l’Ambiente di Olbia e il Comitato civico “Essere cittadini” di Tempio Pausania hanno infatti inoltrato un ricorso europeo contro la “realizzazione di una nuova linea di termovalorizzazione da 30 megawatt” a Tossilo. Continua a leggere ‘Inceneritore di Macomer, ricorso europeo di associazioni e comitati’

Riunioni di coalizioni elettorali. La posizione del Prc

(IlMinuto) – Cagliari, 31 luglio – Iniziano i lavori per il Partito della Rifondazione Comunista in vista delle elezioni. E’ infatti in attesa delle prossime scadenze elettorali che il segretario regionale del Prc Alessandro Serra chiarisce con una nota stampa la posizione del suo partito: “Nessun diktat da parte di Rifondazione Comunista sulle alleanze che alcune forze che attualmente si richiamano al centrosinistra sardo intenderebbero fare alle prossime scadenze elettorali, non vogliamo veti e non ne imponiamo”. Continua a leggere ‘Riunioni di coalizioni elettorali. La posizione del Prc’

Carceri. A Buoncammino è emergenza sanitaria. La denuncia di Sdr

(IlMinuto) – Cagliari, 31 luglio – E’ emergenza sanitaria a Buoncammino. La mancanza di Operatori Socio-Sanitari sta infatti determinando l’impossibilità di garantire le visite mediche esterne per i detenuti. A rendere nota la tragica situazione in cui versano i reclusi bisognosi di cure è Maria Grazia Caligaris, presidente dell’associazione Socialismo Diritti Riforme, che è venuta a conoscenza della situazione dopo che “diverse visite ospedaliere, prenotate da tempo, sono state annullate per l’assenza degli Oss”. “La situazione di disagio – sottolinea la Caligaris – sta ponendo a serio rischio il diritto alla salute in quanto gli infermieri professionali, per contratto, non possono lasciare l’Istituto di Pena a cui sono assegnati come peraltro confermato da un recente ordine di servizio del Direttore della Azienda Sanitaria Locale n. 8″. Un’emergenza, quella di Buoncammino, che non riguarda solo le visite mediche esterne alla struttura penitenziaria, ma che colpisce anche la consegna dei prelievi per le analisi, nonché la possibilità per i detenuti di presenziare ai processi. Continua a leggere ‘Carceri. A Buoncammino è emergenza sanitaria. La denuncia di Sdr’

“L’autista aveva gli occhi chiusi”. Risposta di Gianni Fresu all’articolo di Rosangela Erittu “I miracolati della corriera” (L’Unione Sarda, 29 luglio 2012, p. 37)

Mi chiamo Gianni (all’anagrafe Giovanni) Fresu, come mio padre, autista delle autolinee Satas, in tempi nei quali guidare “su postale” non era proprio la migliore delle occupazioni possibili: stipendi bassi, eufemismo per non dire da fame, ritmi di lavoro e turni massacranti, mezzi cui spesso era negata o limitata al minimo la manutenzione. Un’azienda privata perennemente in crisi, le cui prospettive fosche si accompagnavano a fasi nelle quali, con il futuro, era incerto anche il presente delle retribuzioni in arretrato. Bisognava porre fine a quella condizione, i lavoratori della Satas iniziarono una vertenza durissima per l’acquisizione pubblica dell’azienda e dei relativi servizi di trasporto: scioperi, agitazioni, la lunga occupazione della stazione autolinee di Cagliari, mesi e mesi di stipendi, già di per sé magri, in fumo, debiti insostenibili contratti dalle famiglie per far fronte all’emergenza, tra queste anche la mia. Passata la nottata, vinta la battaglia (il 9 giugno del 1970 fu istituita con legge regionale l’ARST) per i lavoratori Satas tornò il tempo del lavoro in una fase di transizione dal vecchio al nuovo comunque non ancora priva d’incognite, nella quale autisti, bigliettai e operai della ex Satas si trovarono costretti a lavorare senza sosta per recuperare quel reddito perso nei tanti mesi senza salario, in un contesto confusionario nel quale potevi essere chiamato in servizio senza alcun preavviso, buttato giù dal letto e messo su vetture spesso con i freni, e non solo, in disordine. Non a caso in quel periodo si moltiplicarono gli incidenti che vedevano coinvolte le linee ex Satas. Acadde così il quattro giugno 1972. Mio padre non doveva lavorare, anzi quel giorno avrebbe dovuto assistere al provino per il “Cagliari calcio” del suo figlio maschio più grande, 10 anni. Continua a leggere ‘“L’autista aveva gli occhi chiusi”. Risposta di Gianni Fresu all’articolo di Rosangela Erittu “I miracolati della corriera” (L’Unione Sarda, 29 luglio 2012, p. 37)’

Stasera al Teatro Alkestis “Bambini per un’ora”

(IlMinuto) – Cagliari, 31 luglio – Si terrà stasera a partire dalle ore 21.00, nei locali del Teatro Alkestis a Cagliari, “Bambini per un’ora”, la lettura scenica di fiabe dei fratelli Grimm dedicata agli adulti. Lo spettacolo, di e con Verena Knaup e Sabrina Mascia è stato prodotto dall’Unione Alkestis Calumet. “Bambini per un’ora” accompagnerà la lettura delle fiabe dei Grimm con un delizioso pic nic.

F.P.