> Dopo il voto del Consiglio regionale sulla Ratifica del Trattato europeo sulle lingue minoritarie, la parola a Su Comitadu | ilMinuto

Dopo il voto del Consiglio regionale sulla Ratifica del Trattato europeo sulle lingue minoritarie, la parola a Su Comitadu

(IlMinuto) – Cagliari, 6 agosto – E’ pienamente soddisfatto su Comitadu pro sa limba sarda per il voto unanime della settimana scorsa espresso dal Consiglio regionale, che ha approvato l’ordine del giorno indirizzato al Parlamento per garantire adeguati livelli di tutela della lingua sarda in sede di ratifica della Carta europea delle lingue minoritarie, così come previsto nell’art. 51 dello Statuto Sardo. “Su Comitadu pro sa limba sarda – si legge in una nota stampa – è particolarmente soddisfatto perché la sua campagna iniziata con la lettera aperta al Presidente Napolitano del 19 febbraio che richiedeva un suo intervento affinché venisse finalmente ratificata la Carta delle lingue regionali e minoritarie ha avuto risonanza e seguito, concludendosi per ora col voto unanime del messaggio al Parlamento previsto dall’art. 51 del nostro Statuto autonomistico”. Una battaglia, quella condotta da Su Comitadu in favore della questione liguistica, che non si è mai fermata perché da sempre vista come indicatore importante della Questione sarda. La campagna è stata inoltre rafforzata con la denuncia dell’eliminazione della lingua sarda “dalla possibilità del più favorevole ricalcolo del dimensionamento scolastico, prevista per le minoranze linguistiche storiche dalla Spending review”. Non sono però tutte luci quelle che brillano. Come si precisa nel comunicato, “Su Comitadu pro sa limba sarda ritiene negativo che il Consiglio regionale non abbia posto in discussione anche l’ordine del giorno voto n. 197 per l’abrogazione, in sede di conversione, del comma 16 dell’articolo 14 del decreto legge n. 95 del 2012 (Spending review) al fine di evitare un ridimensionamento delle autonomie scolastiche in Sardegna (così come previsto dall’articolo 51 dello Statuto sardo)”. In merito alla violazione dei diritti costituzionali della minoranza linguistica sarda Su Comitadu sta preparando una denuncia al Consiglio d’Europa per l’apertura di una procedura d’infrazione dell’Accordo quadro da parte dello Stato italiano.

S.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a “Dopo il voto del Consiglio regionale sulla Ratifica del Trattato europeo sulle lingue minoritarie, la parola a Su Comitadu”


I commenti sono chiusi.