> Il ritorno del 41 bis nelle carceri sarde a spese dei Sardi. Interogazione del consigliere indipendentista Claudia Zuncheddu | ilMinuto

Il ritorno del 41 bis nelle carceri sarde a spese dei Sardi. Interogazione del consigliere indipendentista Claudia Zuncheddu

(IlMinuto) – Cagliari, 3 agosto – E’ di ieri l’interrogazione del consigliere indipendentista Claudia Zuncheddu con richiesta di risposta scritta in merito alle modalità, ai tempi e ai costi a carico della Regione Autonoma della Sardegna per i detenuti in regime di 41 bis che verranno trasferiti nelle carceri dell’isola. E’ noto già da tempo il piano del Governo italiano di portare i detenuti in regime di 41 bis in Sardegna. Ricordiamo che il piano di riorganizzazione delle carceri venne infatti già proposto dall’ex Ministro Alfano e adesso viene rilanciato dal Ministro di Grazia e Giustizia del Governo Monti, Paola Severino. “In termini economici – precisa Zuncheddu – non è ancora dato sapere quanto la Regione Sardegna dovrà disporre per il trasferimento di tali detenuti [...] quanto sono i finanziamenti approvati”. Al riguardo, nell’interrogazione, il consigliere di SardignaLibera chiede al Presidente della Regione e agli Assessori competenti in quale percentuale la presenza dei detenuti in regime di 41 bis inciderà o ha inciso sulle spese della Amministrazione Regionale e se sia noto il numero esatto di detenuti in regime di 41 bis che saranno trasferiti dalle carceri italiane a quelle sarde.

S.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a “Il ritorno del 41 bis nelle carceri sarde a spese dei Sardi. Interogazione del consigliere indipendentista Claudia Zuncheddu”


I commenti sono chiusi.