> A Manca pro s’indipenpedentzia versus Monti in difesa del km zero | ilMinuto

A Manca pro s’indipenpedentzia versus Monti in difesa del km zero

(IlMinuto) – Cagliari, 9 ottobre – La valorizzazione di circuiti locali attraverso filiere corte, filiere naturali, filiere agro-energetiche per la nuova organizzazione della distribuzione e della commercializzazione di prodotti è al giorno d’oggi funzionale a un consumo cosciente che aiuta sia il produttore che il consumatore. Siamo dunque di fronte a un dialogo importante tra consumatori e agricoltori, che rilanciando un modello diffuso di coltivazione più conveniente e di qualità favorisce circuiti locali di consumo, agendo non solo nella ristorazione tradizionale, ma anche in quella collettiva. E’ in difesa del Km zero e del mercato agroalimentare sardo che a Manca pro s’Indipendetzia, con un lungo e assai dettagliato documento denuncia l’operato di Mario Monti: “Mario Monti, il Presidente del Consiglio dei Ministri italiano [...] ha presentato ricorso in Cassazione a sfavore dell’agricoltura a km zero. Lo ha fatto prima contro la Calabria, rea (secondo Monti) di aver emanato disposizioni oltre le sue competenze. Secondo il Governo infatti, la legge regionale calabrese contiene disposizioni che favoriscono la commercializzazione dei prodotti del territorio, ed è pertanto d’ostacolo alla libera circolazione delle merci, andando contro i principi comunitari”. Un provvedimento che ha creato un precedente, dal momento che poco dopo la Calabria è stata colpita anche la Basilicata, e che – sottolinea la sinistra indipendentista – sembra in aperto contrasto con il Ddl “Norme per la valorizzazione dei prodotti agricoli provenienti da filiera corta e di qualità” approvato dal Consiglio dei Ministri in data 1 marzo 2010. “Il ricorso tutto italiano, – scrive aMpI – mira dunque palesemente a liberare il campo alle multinazionali da qualsiasi tipo di concorrenza [...]. L’intento del governo italiano è cristallino: demolire le aziende locali, distruggere il tessuto sociale delle zone in cui il settore agroalimentare è ancora molto importante, di modo che il popolo diventi completamente dipendente da strutture extraterritoriali e da multinazionali senza scrupoli”.

S.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a “A Manca pro s’indipenpedentzia versus Monti in difesa del km zero”


I commenti sono chiusi.