> “Lo Stagno di Capoterra in balìa del degrado”. La denuncia di Gig e Amici della Terra | ilMinuto

“Lo Stagno di Capoterra in balìa del degrado”. La denuncia di Gig e Amici della Terra

(IlMinuto) – Cagliari, 9 ottobre – Il 4 ottobre scorso il Gruppo d’Intervento Giuridico e gli Amici della Terra hanno inoltrato alla Commissione europea, al Ministero dell’ambiente, al Servizio regionale conservazione della natura, al Comune di Cagliari e, per gli eventuali aspetti di competenza, alla Procura della Repubblica del Tribunale di Cagliari, una specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale, allegando l’adozione degli opportuni interventi per la bonifica ambientale delle discariche abusive, per il monitoraggio delle condizioni ambientali e per il ripristino e la vigilanza sulla piccola zona umida chiamata Stagno di Capoterra. Lo stagno in questione rappresenta un’area d’interesse naturalistico che si trova in territorio di Cagliari, è vasto appena 70 ettari ed è importante per vegetazione, fauna e ambiente. Lo stagno è però oggi in balìa del degrado. Una zona umida che per le caratteristiche naturalistiche – si legge nel sito del Gig – “è stato oggetto del progetto Life Natura ‘Gilia’ (1996), con piano di gestione (1 dicembre 1998) e un finanziamento di ben 2.885.445,00 euro di fondi comunitari (regolamento Life) in favore del consorzio intercomunale fra Cagliari (capofila), Assemini, Elmas e Capoterra, appositamente costituito (1997)”. “Fra i vari interventi – spiegano gli ambientalisti – è stato realizzato un percorso naturalistico di visita dello Stagno di Capoterra”, ma “lo stato del percorso è semplicemente desolante”. In un luogo tutelato da vincolo paesaggistico e dal piano paesaggistico regionale (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) il visitatore troverà infatti canne di protezione divelte, recinzioni semi-distrutte, scarichi illeciti di rifiuti.

S.P.

Fotografia di tendreese. Fonte Flickr

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a ““Lo Stagno di Capoterra in balìa del degrado”. La denuncia di Gig e Amici della Terra”


I commenti sono chiusi.