> 2012 novembre 06 | ilMinuto

Archivio del giorno 6/11/2012

Documento: ProgReS “Il popolo ha fame e manca il pane”

Improvvisamente la politica sarda, quella del Palazzo, quella che decide per tutti noi, si accorge che il 7 novembre ci sarà una grande manifestazione di popolo e non sa che pesci prendere. Il primo pensiero va istintivamente alla propria poltrona e a come fare per rimanerci attaccati. La conseguenza sono una serie di dichiarazioni tra il banale e il menzognero, in perfetto politichese italiano.

Così si può leggere una presa di distanza dalla politica di questi anni da parte di chi quella politica l’ha fatta, il Pd, che vanta l’esperienza di Renato Soru in Regione come una discontinuità meritoria, salvo rimuovere la circostanza che furono proprio le manovre del Pd medesimo e dei suoi sodali a depotenziare e edulcorare (fino alla crisi definitiva) le misure più innovative della giunta Soru. Oppure l’Udc, pronta a sostenere la proposta di legge popolare sull’agenzia sarda di riscossione dei tributi e contemporaneamente ostile alla medesima possibilità (perché è lo Stato che deve toglierci di mezzo Equitalia, noi poverini non possiamo decidere nulla), con tanti saluti al principio di non contraddizione (che, come la vecchia scuola Dc insegna, in politica non esiste). Continua a leggere ‘Documento: ProgReS “Il popolo ha fame e manca il pane”’

Il Premio Alziator dimentica la lingua sarda. Su Comitadu: “provincialismo autocolonizzante cagliaritano”

(IlMinuto) – Cagliari, 6 novembre – Il Premio Letterario Francesco Alziator esclude, emarginandola, la lingua sarda. L’evento culturale organizzato dal Comune di Cagliari per commemorare l’intellettuale saggista e scrittore scomparso nel 1977 ripone infatti nel cassetto la lingua del popolo Sardo. A denunciare la grave offesa alla cultura e alla lingua della Sardegna è Su Comitadu pro sa limba sarda. Un oscurantismo causato – si legge in una nota stampa – da “un ceto intellettuale italocentrico che se a volte si pronuncia in favore della cultura e lingua dei sardi, nella pratica oppone a una sua cittadinanza normale e non subalterna una pratica di rifiuto e emarginazione”. Un fatto tanto più grave dal momento che il regolamento del Premio Alziator prevede una sezione speciale riservata a opere edite in lingua italiana e di autori non italiani originari dei paesi del Mediterraneo a cui possono partecipare anche opere scritte in lingua madre purché accompagnate dalla traduzione in italiano. Continua a leggere ‘Il Premio Alziator dimentica la lingua sarda. Su Comitadu: “provincialismo autocolonizzante cagliaritano”’

A Porto Conte un incontro su “Agroalimentare, pesca e biotecnologie”

(IlMinuto) – Cagliari, 6 novembre – Verranno presentati martedì 13 novembre a partire dalle ore 09.30 nei locali di Porto Conte Ricerche, i bandi relativi all’area tematica “Agroalimentare, pesca e biotecnologie” del programma specifico “Cooperazione” del Settimo Programma Quadro. L’incontro dedicherà particolare attenzione agli aspetti finanziari del progetto europeo. Saranno infatti fornite nozioni pratiche per la preparazione del budget delle proposte di candidatura. Per partecipare alla giornata informativa è necessario iscriversi compilando la domanda d’iscrizione. Continua a leggere ‘A Porto Conte un incontro su “Agroalimentare, pesca e biotecnologie”’

Basket A1F: sconfitta in casa per il Cus Cagliari

(IlMinuto) – Cagliari, 6 novembre – Perdere una partita contro un Lavezzini Parma che una settimana fa è stato capace di sconfiggere la Schio Basket ci sta. Tuttavia, il Cus Cagliari di domenica scorsa ha rischiato davvero il colpaccio davanti al pubblico amico. Grande vincitrice della gara è stata infatti la squadra ospite, ma le padrone di casa non hanno però nulla da rimproverarsi, recriminano anzi diverse scelte arbitrali arrivate nel concitato finale di una partita tirata fino ai supplementari. Continua a leggere ‘Basket A1F: sconfitta in casa per il Cus Cagliari’

“No al termodinamico a Campu Giavesu”. Una petizione denuncia i rischi del progetto, quasi 500 firme raccolte

(IlMinuto) – Cagliari, 6 novembre – Cresce l’opposizione alla realizzazione del grande progetto termodinamico da parte di Energogreen Renewables srl nella piana di Campu Giavesu. Sono infatti già 467 le firme raccolte a sostegno della petizione on line contro il progetto che – sostengono i promotori – “potrebbe devastare per sempre il territorio di Cossoine e Giave”. “Una decisione così importante – si legge nella petizione – non deve riguardare soltanto i pochi proprietari dei terreni coinvolti”. Secondo i firmatari i paesi coinvolti perderebbero infatti la possibilità di sfruttare la pianura per fini agricoli e pastorali e sarebbe a rischio l’approvvigionamento idrico di Cossoine. La petizione denuncia inoltre i rischi legati alla realizzazione della centrale a biomasse che dovrebbe affiancare l’impianto termodinamico. Continua a leggere ‘“No al termodinamico a Campu Giavesu”. Una petizione denuncia i rischi del progetto, quasi 500 firme raccolte’