> 2013 marzo 28 | ilMinuto

Archivio del giorno 28/03/2013

S’istória de Roberta una laurea e unu bisu mannu, su de fai sa piscologa

(In Tempus de crisi) – Casteddu, 28 de su mesi de martzu – Roberta, classi 1979, a pustis de ai istudiau comenti ‘e ragioniera at iscerau de s’iscriri in sa Facoltadi de Psicologia de Casteddu. In su 2001 sa picioca guspinesa andat a Roma po podi pigai s’indiritzu de istúdiu clinicu e de comunidadi, unu caminu chi in cussu mamentu no ddoi furiat in sa facoltadi casteddaia. A pustis de cuàturu annus Roberta si laureat in Psicologia in Sa Sapienza. Fait s’amaistramentu in d-una coperativa sotziali de Roma e fiamenti in su 2007 arribat puru sa licéntzia de istadu: Roberta est psicologa. Pigat aici su determinu de torrai un sa terra sua, sa Sardigna. Su bisu de sa piscologa furiat agatai unu traballu in su sotziali, ma dd’at acumpangiada unu caminu prenu de arrescegus. Agoa de diversus collóchius e cuncursus andaus mali, sa picioca de Guspini si ponit a circai calisisiat traballu cun s’ispériu de podi fai un’iscola de annestru in piscoterapia o unu master de annestru chi dd’essat permítiu de fai su caminu cumentzau cun sa laurea. Su bisu prus mannu de Roberta furiat difatis su de fai sa psicologa in su prevenimentu e s’imparu. Sa picioca iat presentau puru diversas propostas a is iscolas e a is assótzius chi traballant in su sotziali, ma su chi arrenesciat a otèniri furiant impreus iscàbulus cun incàrrigus diversus. Sa laurea – si contat – “m’at permítiu de amanniai is conoscéntzias e is cumpeténtzias in campu psicologicu e no scéti in custu. Endi bíviu in Roma po ses annus apu tentu sa possibilidadi de mi cunfrontai cun àterus istudiantis e professioneris chi lompiant de totus s’Itàlia e de totu su mundu, onniunu cun d-un’istória diversa”. Una letzioni de vida chi dd’at fata cresci culturalmenti e chi dd’at fatu connosci una realidadi diversa de sa sua. Continua a leggere ‘S’istória de Roberta una laurea e unu bisu mannu, su de fai sa piscologa’

Documento: Carlofortini Preoccupati e Adiquas rispondono a Rsu Filctem Cgl

Leggendo l’articolo nella rubrica “Lettere al giornale” (dell’Unione Sarda) di Giancarlo Sau ci si rende sempre più conto di quanto il sindacato sia arrogante e viva una sua onnipotenza che è tanto distante dal sentire del territorio. Questi signori ritengono di possedere tutte le verità e anche il potere di poter scegliere il futuro del Sulcis passando per ecologico ciò che è mortifero. Non solo il M5S è contrario al carbone ma anche tutte le associazioni presenti nel Sulcis che si occupano di salute e difesa del territorio si oppongono a nuove centrali a Carbone. I 10.000.000 di Euro, che la Ragione Sardegna ha stanziato possono essere investiti sul territorio per creare attività produttive nuove e ricollocare gli operai della Carbosulcis creando anche nuovi posti di lavoro. La Carbosulcis in questi lunghi anni ha dissipato ingenti capitali, soldi che se ben investiti avrebbero creato migliaia di posti di lavoro e ciò non è avvenuto soprattutto per la responsabilità dei sindacati oltre a quella dei politici locali. I sindacati devono ammettere che la situazione economica del Sulcis è penosa anche per loro responsabilità poiché da anni rivendicano e ottengono sostegni finanziari regionali per sostenere industrie agonizzanti e senza futuro. Il Sulcis e in particolare l’area di Nuraxi Figus e Cortoghiana non hanno bisogno di altre centrali, né con stoccaggio della CO2, tanto meno senza. Continua a leggere ‘Documento: Carlofortini Preoccupati e Adiquas rispondono a Rsu Filctem Cgl’

“Addio continente”: presentazione a Cagliari nella libreria Mieleamaro

(IlMinuto) – Cagliari, 28 marzo – Si terrà a Cagliari, il 30 marzo prossimo alle ore 17.00, nei locali della libreria Mieleamaro, la presentazione dell’ultimo libro di Giorgio De Donno intitolato “Addio continente”, edito dalla casa editrice L’erudita. Una storia di un laureato italiano in tempo di crisi, un libro che racconta il “Continente” e la scelta di un’isola martoriata, la Sardegna, che gli cambierà la vita.

F.P.