> 2013 maggio 16 | ilMinuto

Archivio del giorno 16/05/2013

S’istòria de Nicoletta. Una laurea chi dd’at arregallau unu bisu: traballai po una mudantza culturali


(In Tempus de crisi) – Casteddu, 16 de su mesi de maju – Aintru de su caminu de istùdius fatu in pedagogia, Nicoletta classi 1971, no at tentu un’obietivu definiu chi dessat motivada, furiat movia perou de un’atitudini po is matérias umanìsticas e de un’interessu mannu a sa relatzioni de agiudu chi de sèmpiri si tragat. “Amentu scéti – si contat – ca tot’in d-unu s’istùdiu po s’esàminu de pedagogia generali m’at fatu interessai a s’argumentu de s’educatzioni interculturali”. Est aici chi sa pedagogista at iscerau de fai sa tesi asuba de custu tema chi cunfrontàt, comenti si narat issa etotu, “educatzioni interculturali e Antiratzista me in Itàlia e in su Regnu Uniu”. “Naraus – sighit a si contai – ca apu bòfiu mandai ainnantis un’interessu miu precisu, iscongiuntau puru a ipotesi de traballu”. Agoa de s’ai pigau sa laurea, sa picioca de Portescusi, at cumentzau a reflètiri asuba de sa possibilidadi de fai un’espertiéntzia concreta cun is furesteris chi s’agatant in su territòriu nostru. E si marcat: “depu nai ca s’acuntéssia mia si carateritzat po totu una fibera de situatzionis acidentalis. Atressu de su centru de orientamentu de s’Universidadi de Casteddu imbucu in cuntatu cun d-un’enti religiosu chi s’interessat de s’insertamentu de unu parri sotziali e de unu parri de traballu de Fèminas istràngias vìtimas de trata e de isfrutamentu”. “Agoa de un’esperièntzia de annestru – sighit – fata aintru de una domu amparada cun piciocas po su prus de natzionalidadi nigeriana, vìtimas de trata po isfrutamentu sessuali, s’oberrit unu mundu nou e una passioni chi no connosciu primu. Unu traballu, de no crèiri, chi at agrupau totu una fibera de interessus chi no arrennescìu a intinnai e a ponni impari: sa chistioni de ‘genere’, s’esclusioni sotziali de calencuna categoria fatuvatu spricada comenti ‘disvantagiada’ sa possibilidadi de una sotziedadi interculturali e su traballu educativu a cuntatu cun is personis. Continua a leggere ‘S’istòria de Nicoletta. Una laurea chi dd’at arregallau unu bisu: traballai po una mudantza culturali’

A Manca l’aveva detto e il Gig lo conferma: “La sdemanializzazione delle terre a uso civico di Nuoro non è possibile”

(IlMinuto) – Cagliari, 16 maggio – Il Gruppo d’intervento Giuridico conferma ciò che da sempre a Manca pro s’indipendentzia denuncia: l’ appropriazione indebita delle terre civiche di Prato Sardo a Nuoro. Anche il Gig sottolinea infatti che le terre su cui sorgerebbe la caserma sono civiche e che non è possibile alcuna procedura di sdemanializzazione. Continua a leggere ‘A Manca l’aveva detto e il Gig lo conferma: “La sdemanializzazione delle terre a uso civico di Nuoro non è possibile”’

Online la petizione contro la cittadinanza onoraria di David Grossman, nemico della pace

(IlMinuto) – Cagliari, 16 maggio – “Caro Sindaco Zedda Le scrivo come cittadino di Sardegna e del Mondo con un accorato appello: Le chiedo di farsi fermo – e nostro – portavoce di un obiettivo condiviso da tanti come me. L’obiettivo è quello di perseguire la pace per farne modalità di relazione tanto nelle nostre comunità locali quanto nelle Nazioni. Questo obiettivo mi impone ora di scriverLe per metterLe in luce l’inopportunità del conferimento della cittadinanza onoraria allo scrittore israeliano David Grossman”. Sono queste le parole che aprono il testo della petizione online lanciata dal Gruppo Falastin contro la decisione presa dall’amministrazione di Cagliari di conferire la cittadinanza onoraria a David Grossman. I firmatari non mettono in dubbio il lavoro letterario svolto dalla penna dello scrittore. Ciò che però non piace e viene contestato sono le posizioni di Grossman “in merito a delicate questioni politiche”. Continua a leggere ‘Online la petizione contro la cittadinanza onoraria di David Grossman, nemico della pace’

Contro inquinatori e inquinamento il sit in del comitato NO Chimica Verde-No Inceneritore

(IlMinuto) – Cagliari, 16 maggio – E’ prevista per lunedì 27 maggio, in camera di consiglio a Sassari, la prosecuzione dell’incidente probatorio, nell’ambito delle indagini per l’inquinamento della darsena e delle relative mancate bonifiche di Porto Torres, nei confronti di Eni e consociate. Per l’occasione il comitato NO Chimica Verde-No Inceneritore ha organizzato un sit in che si terrà a partire dalle 10.00 davanti alla sede del Palazzo di Giustizia del capoluogo turritano. L’impegno contro l’inquinamento e suoi padri ancora impuniti viene portato avanti instancabilmente dal comitato, che nell’evento diffuso tramite Facebook, sottolinea: “Partecipiamo e lo diciamo all’Eni, che deve comunque riparare e risanare, ma lo diciamo prima ancora ai pessimisti, agli stanchi, agli arresi. A tutti quelli che sospirano che ci vorranno 20 anni. Continua a leggere ‘Contro inquinatori e inquinamento il sit in del comitato NO Chimica Verde-No Inceneritore’

Prosegue la marcia del No al Progetto Eleonora. Prossima tappa: Marrubiu

(IlMinuto) – Cagliari, 16 maggio – Prosegue la marcia per il No al Progetto Eleonora. E’ previsto infatti per sabato 18 a partire dalle 18.00, nella sede della Consulta Giovanile di Marrubiu, in via Arborea 5, l’incontro “Progetto Eleonora: Le ragioni del NO! – No al Progetto Eleonora!”. Il progetto in questione, lo ricordiamo, permette alla società Saras S.p.a la ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi attraverso la realizzazione di un pozzo esplorativo nel territorio di Arborea, a 187 metri dall’area umida di S’Ena Arrubia, zona protetta ai sensi della Convenzione internazionale di Ramsar. La “ricerca” in cantiere si dovrebbe eseguire vicino alle abitazioni, alle aziende agricole e di allevamento e, non ultimo, non distante dal campeggio comunale “S’Ena Arrubia”. Continua a leggere ‘Prosegue la marcia del No al Progetto Eleonora. Prossima tappa: Marrubiu’