> 2013 maggio 18 | ilMinuto

Archivio del giorno 18/05/2013

S’istòria de Alessandro un’architetu prenu de ideas chi iant a agiudai sa terra sua

(In Tempus de crisi) – Casteddu, 18 de su mesi de maju – Laureau in architetura, in sa Facoltadi de Ingigneria e Architetura de s’Universidadi de Casteddu, Alessandro classi 1987, giai de is primus annus de su caminu de istùdiu fatus at sèmpiri tentu un’interessu mannu po s’architetura sustenìbili e po is sistemas de fàbricu baratus. Sa circa de materialis de costrutzioni nous, e is diversus modus de biviri, funt de importu mannu po su piciocu de Santu ‘Engiu, prusatotu, comenti si narat issu etotu: “in d-unu perìodu de crisi comenti su chi seus passendi”. Alessandro at acabau de pagu tempus su caminu de istudianti e imoi iat a bolli cumentzai a fai s’amaistramentu in d-un’istùdiu de architetura, a manera de fai aici sa pràtiga chi ddi serbit po tenni sa professionalidadi chi abisongiat po fai su mestieri de architetu. Ma no est totu, poita si narat ca ddi at praxi puru, una diri, a sighiri is istùdius pigaus e cumentzaus cun sa tesi sua, asuba de is ballas de palla, i est po custu ca no iscartat de fai unu dotorau in matéria. Su tìtulu chi oi tenit intre is manus po su piciocu est de importu prusatotu a faci de su mamentu de crisi chi seus bivendi, poita, si marcat: “custu iat a podi essi unu mamentu interessanti meda po agatai ideas innovativas po s’isvilupu de su territòriu, de innoi, su disìgiu chi tenit de traballai in Sardigna e de cuncùrriri cun is ideas suas a dda megliorai. “Biu – si narat – in su territòriu nostru unu potentziali mannu de traballu chi imprassat cumpartus medas de s’architetura a sa masserìtzia po ndi nai scéti calencunu. Po fai un’esémpiu, su Campidanu est unu territòriu arricu de resossas chi no benint isfrutadas”, “si – sighit s’arrexonu – s’iant a prodùsiri materialis de fàbricus de is sutaprodotus de sartu e de s’argidda, custus iant a costai de mancu, is impresas de fàbricus iant a podi fai is traballus a prétzius prus bàscius meda, e is massajus iant a tenni profetu prus mannu de s’aratzoni”. E s’acrarat: “is domus nostras funt intre is chi ispanciant prus energia in totu Europa. Continua a leggere ‘S’istòria de Alessandro un’architetu prenu de ideas chi iant a agiudai sa terra sua’

A manca protagonista di un’altra vicenda di repressione del dissenso

(IlMinuto) – Cagliari, 18 maggio – Si chiama Pier Luigi Caria il dirigente di a Manca pro s’Indipendentzia che l’altro ieri è stato vittima di una perquisizione da parte delle forze dell’ordine nuoresi. Lo ha denunciato stamane con una conferenza stampa la stessa organizzazione indipendentista. Caria, sempre in prima linea nella difesa del territorio, è anche una delle giovani voci più attive e attente nella battaglia in favore della lingua sarda. Nella giornata di giovedì 16 il dirigente è stato fermato dai Carabinieri mentre volantinava materiale contro la costruzione della caserma di Pratosardo, una struttura che, come ha recentemente dichiarato anche il Gruppo di Intervento Giuridico, va a toccare “Le aree appartenenti al demanio civico di Nuoro” per il quale “Allo stato attuale è preclusa qualsiasi attività di sdemanializzazione, mentre è possibile la richiesta di trasferimento dei diritti di uso civico su altri terreni di proprietà comunale (es. Monte Ortobene, ecc.) aventi migliori caratteristiche sul piano ambientale e di adeguata estensione (es. boschi, macchia mediterranea, ecc.)”. Nonostante il dirigente della sinistra indipendentista fosse provvisto dei documenti che lo identificavano, è stato condotto in caserma. All’interno della caserma Pierluigi Caria si è trovato protagonista di una perquisizione ai limiti dell’assurdo e lasciato senza vestiti dalle forze dell’ordine in cerca di sostanze stupefacenti. Continua a leggere ‘A manca protagonista di un’altra vicenda di repressione del dissenso’