> Online la petizione contro la cittadinanza onoraria di David Grossman, nemico della pace | ilMinuto

Online la petizione contro la cittadinanza onoraria di David Grossman, nemico della pace

(IlMinuto) – Cagliari, 16 maggio – “Caro Sindaco Zedda Le scrivo come cittadino di Sardegna e del Mondo con un accorato appello: Le chiedo di farsi fermo – e nostro – portavoce di un obiettivo condiviso da tanti come me. L’obiettivo è quello di perseguire la pace per farne modalità di relazione tanto nelle nostre comunità locali quanto nelle Nazioni. Questo obiettivo mi impone ora di scriverLe per metterLe in luce l’inopportunità del conferimento della cittadinanza onoraria allo scrittore israeliano David Grossman”. Sono queste le parole che aprono il testo della petizione online lanciata dal Gruppo Falastin contro la decisione presa dall’amministrazione di Cagliari di conferire la cittadinanza onoraria a David Grossman. I firmatari non mettono in dubbio il lavoro letterario svolto dalla penna dello scrittore. Ciò che però non piace e viene contestato sono le posizioni di Grossman “in merito a delicate questioni politiche”. Sottolinea il testo della petizione: “tale conferimento rischierebbe di essere frainteso coinvolgendo la città di Cagliari nel contesto di un’implicita quanto grave connivenza”. Ma cosa ha fatto Grossman? Grossman, insieme con altri scrittori israeliani, nel 2006 ha dato il suo pieno appoggio alla guerra israeliano-libanese. Inoltre, lo scrittore, nel 2008-2009, ha appoggiato l’attacco israeliano nei confronti di Gaza, ed è tra coloro che negano il Diritto al Ritorno del popolo palestinese sancito dalle Nazioni Unite. Per queste ragioni, la cittadinanza cagliaritana a David Grossman più che un tributo al suo talento di scrittore, ha il sapore amaro di un riconoscimento politico, di un sostegno indiretto alla politica di Israele.

S.P.

Fotografia di Das blaue Sofa. Fonte Flickr

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a “Online la petizione contro la cittadinanza onoraria di David Grossman, nemico della pace”


I commenti sono chiusi.