> 2013 giugno 12 | ilMinuto

Archivio del giorno 12/06/2013

Ite bi cheret? Sa Mesa de sos traballadores sardos. Una riflessione di Cristiano Sabino

(IlMinuto) – Cagliari, 12 giugno – La parola deve ritornare ai lavoratori sardi. Un’idea tanto semplice quanto rivoluzionaria che lo scorso 8 giugno ha animato l’Assemblea dei lavoratori sardi a Porto Torres. L’anno politico che ci stiamo lasciando alle spalle ha visto anche una esperienza come la Consulta Rivoluzionaria, promossa dal Movimento Pastori Sardi e dagli Artigiani Liberi in cui erano coinvolti anche i movimenti indipendentisti compresa la sinistra indipendentista. Una esperienza quella della Consulta per molti versi straordinaria nella sua capacità di coinvolgere e di suscitare dibattito e progetto dal basso e senza mediazioni. Una esperienza che non a caso ha suscitato molti campanelli d’allarme nelle alte sfere dell’establishment politico e di categoria che in coro ha cercato di smontarla e sminuirla. Un’esperienza che alla fine ha mostrato tutti i suoi limiti organizzativi, ma che ha anche evidenziato con forza come la Sardigna sia un paese per arresi e che non tutti sono abbandonati alla sfiducia e al fatalismo.

A Porto Torres, grazie all’impegno di amici e compagni come Argentino Tellini, Manolo Mureddu, Bruno Bellomonte e molti altri lavoratori notoriamente combattivi, è riemersa l’esigenza ormai matura di intraprendere un percorso di dibattito, analisi e proposte dal basso, senza deleghe e mediazioni: lavoratori che parlano con altri lavoratori francamente e senza correttivi e limitatori di alcun tipo. Ora si tratta di strutturare e dare corpo a quella che è una viva esigenza della storia del popolo sardo, cioè sa mesa de sos traballadores sardos. Continua a leggere ‘Ite bi cheret? Sa Mesa de sos traballadores sardos. Una riflessione di Cristiano Sabino’

Birre di Sardegna. Lara: la parola al mastro birraio

(IlMinuto) – Cagliari, 12 giugno – Il nuovo progetto del Minuto notizie Mediterranee è un tour che esplorerà i birrifici artigianali della Sardegna attraverso una serie di interviste. La prima tappa del nostro itinerario è a Tertenia, via Gennargentu 14, dove ad accoglierci ci sono Gianni Piroddi, il mastro birraio e sua moglie Francesca, che ci raccontano le birre Lara.

Il Microbirrificio Lara: ci raccontate questa storia?

Ci chiamiamo Gianni Piroddi e Francesca Lara e siamo una coppia che dal 2009 ha fatto della propria passione per la birra un vero e proprio lavoro. Non di certo un lavoro comune né una birra comune, ma una birra fatta con una ricetta personale, in cui profumi e sapori esplodono nel palato creando una sensazione di freschezza e un gusto mai provati. Una birra cruda, integra, non pastorizzata e non filtrata.
Ma facciamo qualche passo indietro. La Birra Lara nasce a Tertenia. Per produrla utilizziamo acqua pura che prendiamo dalle sorgenti di San Pietro, e malti e frumenti di prima qualità. Noi stessi, nella nostra azienda produciamo il grano duro qualità Senatore Cappelli non maltato, che utilizziamo per produrre una delle nostre birre, la bianca “Del Senatore”, ispirata allo stile belga. Inoltre produciamo in azienda anche i luppoli freschi usati per l’aroma della Rubia e della Tzar.
Una curiosità può essere che il birrificio Lara, divenuto Birrificio Agricolo nel 2011, ha un progetto in corso con l’Università Agraria di Sassari per la coltivazione delle materie prime sarde, ossia orzo distico e grano duro Cappelli.
Dal nostro marchio, che semplicemente riprende il cognome di Francesca, sono nate otto tipologie di birre, distinte in Classiche e Speciali, le famose quattro sorelle.
Le Classiche sono la Rubja, una birra rossa ispirata allo stile inglese molto luppolata in amaro e aroma; la Tzar, una bionda di stile inglese, molto beverina e bilanciata nella luppolatura; la W16, bionda opalescente di frumento e ispirata allo stile bavarese molto profumata; e infine la birra del Senatore, bianca e prodotta con una percentuale di grano Cappelli non maltato. Continua a leggere ‘Birre di Sardegna. Lara: la parola al mastro birraio’

Sit in contro la caserma di Pratosardo. A Manca: “è stato solo una tappa della nostra lotta”

(IlMinuto) – Cagliari, 12 giugno – “Sa pelea sighit”. E’ quanto afferma la sezione nuorese Paschedda Zau di a Manca pro s’indipendentzia dopo il sit in dello scorso 10 giugno svoltosi davanti alla sede del comune cittadino in difesa delle terre civiche di Pratosardo. Durante il presidio, che ha visto la partecipazione di numerose persone, non solo del luogo ma anche dei paesi limitrofi, l’organizzazione politica della sinistra indipendentista, nonostante l’inclemenza del tempo ha distribuito volantini ai passanti, spiegando – si legge in una stampa – “l’ingiustizia e al tempo stesso l’illiceità commessa dall’amministrazione Bianchi nel militarizzare le nostre terre”. Continua a leggere ‘Sit in contro la caserma di Pratosardo. A Manca: “è stato solo una tappa della nostra lotta”’

Superare la crisi con il rispetto della Costituzione italiana. Azione civile invita a convegno anche gli indipendentisti

(IlMinuto) – Cagliari, 12 giugno – E’ prevista per il 16 giugno prossimo a partire dalle 9.30 nei locali del Lazzaretto di Cagliari la prima assemblea sarda di Azione Civile, alla presenza di Antonio Ingroia. “Azione Civile – si legge in una nota stampa – nasce con la volontà di porre le basi ad un cambiamento del Paese [...], si pone come collettore grande ed unitario di tutta la sinistra vasta presente nel territorio italiano, e, nello specifico regionale intende costruire rapporti con tutte le specificità locali compresi i movimenti indipendentisti”. Non è la prima volta che vediamo le organizzazioni politiche d’oltremare strizzare l’occhio all’indipendentismo, nonostante i legami tra la loro visione politica della Sardegna e chi rivendica l’autodeterminazione del popolo sardo si siano mostrati inconsistenti.

Continua a leggere ‘Superare la crisi con il rispetto della Costituzione italiana. Azione civile invita a convegno anche gli indipendentisti’

ProgReS continua la battaglia contro il Progetto Eleonora e in difesa del territorio

(IlMinuto) – Cagliari, 12 giugno – E’ datato 11 giugno 2013 il nuovo “atto di osservazioni ufficiale” che gli indipendentisti di ProgReS Progetu Repùblica hanno provveduto ad inoltrare al Servizio Savi dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Autonoma della Sardegna. Oggetto del documento il progetto Eleonora della Saras S.p.A., sotto riflettori costanti nelle ultime settimane. La stessa organizzazione indipendentista nel testo di un comunicato stampa precisa che “Dopo un’attenta lettura dello Studio di Impatto Ambientale sono emerse chiaramente le criticità e le contraddizioni presenti [...] che hanno evidenziato una preoccupante superficialità da parte dei redattori nell’analisi degli impatti che questo progetto porterebbe sulla salute, sull’ambiente e sull’economia del territorio”. Diversi i punti critici che emergono dall’esame redatto da ProgReS. Continua a leggere ‘ProgReS continua la battaglia contro il Progetto Eleonora e in difesa del territorio’