> 2013 giugno 20 | ilMinuto

Archivio del giorno 20/06/2013

S’istòria de Frantziscu, professori precàriu in abetu


(In Tempus de crisi) – 19 de su mesi de làmpadas – Frantziscu, classi 1973, agoa de su diproma de piritu industriali in s’Istitutu Othoca de Aristanis, pigat su determinu de s’iscriri, chentza de essi cumbintu meda, in sa Facoltadi de Inginneria Eletrònica de s’Universidadi de is Istùdius de Casteddu. I est aici chi si contat: “Sighendi is letzionis de su primu annu apu cumpréndiu ca custa no furiat s’arruga mia e apu detzìdiu de mi dedicai a su chi est sémpiri stétiu s’amori miu: s’istòria”. Su piciocu de Terraba mudat intzaras su caminu suu e s’iscririt in Lìteras, aundi – aciungit – “bia sa mancàntzia chi teniu de fundamentas umanìsticas fortis, apu dépiu fai isfortzus mannus po m’aparigiai cun is collegas mius chi beniant de is lizeus”. E afirmat: “Amentu tambeni ca unu professori, a pustis de ai iscìpiu ca beniu de un’iscola ténnica, m’iat nau ca no mi ap’essi laureau mai in Lìteras”. Mancai aici, bintus is impeditzus, Frantziscu pigat su tìtulu cun su màssimu de is votus laurendusì in Istòria de s’arti. Cun su paperi in busciaca su terrabesu pigat su determinu de proai a fai is isceberus po sa SSIS, s’iscola de annestru po s’imparamentu in s’iscola de segundu gradu. Ddus passat, e agoa de duus annus pigat s’abilitatzioni po s’imparamentu de s’Istòria de s’arti, e, a sighiri, cussa puru po s’agiudu a is disàbilis. Frantziscu at iscerau cun cumbintzioni manna s’arruga sua. Fai su professori de Istòria de s’arti est difatis su disìgiu suu prus mannu. I est aici chi arrexonendi cun nos si marcat: “Po calincunu annu apu potziu imparai custa matéria mirìfica, perou sa Reforma Gelmini, tanti fentomada, at betiu a un’irminorigamentu chentza de torrada de is oras de istòria de s’arti in su prus de is iscolas. Continua a leggere ‘S’istòria de Frantziscu, professori precàriu in abetu’

A Cagliari “Stealing from the poor”: un assaggio del Festival delle Terre

(IlMinuto) – Cagliari, 20 giugno – Si terrà domani nell’Ostello della Marina di Cagliari alle ore 20.00 l’anteprima del Festival delle Terre 2013, organizzato dal Centro Internazionale Crocevia. L’iniziativa è solo l’assaggio del premio internazionale audiovisivo della biodiversità in rassegna a Cagliari il 12, 13 e 14 luglio prossimi nella consueta cornice di Villa Muscas. Continua a leggere ‘A Cagliari “Stealing from the poor”: un assaggio del Festival delle Terre’

NUR 18

Disegno di Dottor Fonk

Cappellacci commissaria le Province. Una riflessione di Alessandro Corona

(IlMinuto) – Cagliari, 20 giugno – L’attuale situazione politica e amministrativa della Sardegna ci spinge ad esaminare il tema della riforma e del riordino degli Enti locali della Sardegna, e ad esprimere una forte contrarietà nei confronti della Giunta regionale, sia per la politica dei rinvii e delle proroghe, che per l’azione di delegittimazione svolta nei confronti delle Province.

E’ evidente che manca una vera politica di riforma, manca il senso vero e profondo della democrazia. Ciò porta all’ipotesi di una legge di riordino che appare come un’anatra zoppa, perché manifesta la sua incapacità di comprendere e valorizzare le importanti funzioni e le competenze svolte dagli Enti locali.

Un’altro dato allarmante è la totale assenza di interesse nei confronti del destino dei lavoratori delle società partecipate e delle conseguenze che ne potrebbero derivare. Non si valuta nemmeno l’importanza dei servizi che attraverso queste società vengono erogati.

A questa situazione di incertezza, di incuria, di incapacità si aggiungono i tagli iniqui e insopportabili ai bilanci delle Province (-25 %), operati negli ultimi anni dal Governo Nazionale. Il Governatore della Sardegna ha evidentemente sottovaluto il complessivo effetto che tale diminuzione di risorse avrebbe avuto sui servizi e sulle funzioni delle Province: manutenzione ordinaria, straordinaria e messa in sicurezza degli edifici scolastici, servizi offerti agli alunni disabili nelle scuole superiori, manutenzione di migliaia di Km di strade provinciali, funzionamento dei centri per l’impiego, verifica e manutenzione tutela ambientale e dissesto idrogeologico. Non è più un’allarme, si sta mettendo a serio rischio la stessa capacità di poter continuare a garantire ed erogare i servizi essenziali offerti ai cittadini.

Il destino delle Province è giustamente legato ad un disegno globale di riordino, frutto della necessità di razionalizzare la macchina statale, ma non può e non deve essere legato al becero interesse di chi vuole tenere in piedi una maggioranza che, in questi anni, ha perso le sfide politiche e sociali, come testimoniato dalla crescita delle povertà e della disoccupazione in Sardegna. Continua a leggere ‘Cappellacci commissaria le Province. Una riflessione di Alessandro Corona’