> dicembre « 2013 « ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Archivio di dicembre 2013

Pagina 2 di 5

Dieci anni dalla morte di Peppino Fiori, casa Natale Gramsci rende omaggio allo scrittore e giornalista

(IlMinuto) – Cagliari, 19 dicembre – La biografia di Antonio Gramsci , l’inchiesta giornalistica di “Baroni in laguna”, la narrativa di “Sonetàula”. Sono solo alcune delle opere di Peppino Fiori, l’intellettuale sardo scomparso nell’aprile del 2003. A dieci dalla morte, l’associazione Casa Natale Gramsci rende omaggio al narratore, al giornalista e al biografo in un incontro in programma sabato 21 dicembre ad Ales (17.30, Sala Convegni del Comune). Continua a leggere ‘Dieci anni dalla morte di Peppino Fiori, casa Natale Gramsci rende omaggio allo scrittore e giornalista’

Documentu: sa proposta linguistica de sa Manca indipendentista sarda

Documentu de anàlisi a pìgiu de sa polìtica linguìstica de A Manca pro s’Indipendèntzia

Sa gherra pro su bilinguismu in Sardigna est una gherra pro s’ emantzipatzione natzionale e sotziale de sos traballadores sardos. S’Itàlia, dae cando at impostu su domìniu suo in subra de sa Terra nostra, at chircadu semper de si fraigare un’egemonia assoluta in totu sa cultura sarda, gasi etotu comente ant semper fatu totu sos istados capitalistas e mescamente sos regimes coloniales europeos in sas terras chi an conchistadu. In custa manera at fatu nàschere una classe dirigente italianizada chi at amministradu sa terra nostra pro contu de su colonialismu e chi at mantesu su pòpulu nostru ammasedadu e dormidu, in manera de non bi nàschere una classe dirigente orgànica a su pòpulu nostru chi àeret àpidu s’istrutzione e sos istrumentos culturales chi lis fiant servidos pro pesare in manera crara e sena cumpromissos un’opositzione organizada contra a su colonialismu istràngiu. Pro custu, in sos 150 annos colados, belle totu sas esperièntzias de gherra de su pòpulu sardu contra a s’istadu sunt istadas individuales e no ant àpidu una prospetiva de organizare a sos sardos contra a s’Italia; e totu sos chi ant gherradu pro liberare sos sardos l’ant fatu in sa limba de sos colonialistas e sena de si pònnere in manera crara contra a s’istadu italianu. Unu de sos fundamentos de custu progetu de fraigadura de s’egemonia culturale italiana in Sardigna (a s’incomintzu mescamente pro sos pagos sardos istudiados) est istada s’impositzione de s’italianu comente ùnica limba de cultura in Sardigna. S’italianu, ant comintzadu a bellu a bellu a l’impreare dae su 1720, cando est arribadu su primu Vicerè piemontesu, e l’ant postu comente ùnica limba ufitziale in su 1760, (ma galu in sa prima midade de s’800 b’aiat gente chi iscriiat in sardu o in ispagnolu (mèscamente sa crèsia)).Dae tando s’istadu italianu at chircadu de cantzellare su sardu dae sa bida pùblica de Sardigna, ma medas bortas l’at dèpidu impreare a mala gana ca sos sardos, in foras de pagas tzitades, s’italianu non lu connoschiant pro nudda. E tando in s’800 sa tzensura italiana aiat permissu de publicare carchi bocabolàriu sardu-italianu e carchi libru iscritu in ambas sas limbas. Su sardu in iscola non bi esistiat e pro custa resone sa Sardigna fiat una de sas terras in Europa in ue b’aiat prus pagu gente capassa de lègere e iscrìere. Dae cando s’italianu, at comintzadu a lu cumprèndere unu pagu de gente in sas tzitades mannas e sos burghesos in sas biddas, s’Italia s’est semper cumportada comente chi s’italianu esseret istadu sa limba de totu sos sardos. Continua a leggere ‘Documentu: sa proposta linguistica de sa Manca indipendentista sarda’

Arresistèntzia: po unu benidori prus mellus!

(IlMinuto) – Casteddu, 17 de su mesi de paschixedda - Boleus arrexonai cun totu is giòvunus sardus, e mescamernti cun is scientis ca in custas diris funti insurdendi cun sa prupaganda colunialista amostendidhis una bella bisura de s’esercitu itallianu, po dhis fàiri biri che una cosa praxili s’arruolu che a sordaus.

Pentzaus ca totu custa pitzeistrudura, pruschetotu aunionista ca militarista tout court, siat cudha de fàiri brintai is sardus in duna arrealidadi allena de sa nosta.

E s’arrealidadi sarda est cudha de una sotziedadi innui sa mellus parti de is piciocus lassant is stùdius po scedhai, e sceti po is prus scofaus, trabballus precàrius e malus, su sperdimentu scolàstigu in tra mesu de is piciocus de 18 e 24 annus est de su 25%.

In mesu de is sardus in su tretu de is 24 e 35 annus nc’est sa prus bàscia percentualli, aintru de totu su Stadu itallianu, de ocupaus in trabballus intelletualis, scientìfigus e a manna spetzializatzioni, su 6,3 %; petantis funti casi duas bortas de prus, su 11,9%, is giòvunus ca funti trabballendu in professionis no cualifigadas.

Sa natzioni cosa nosta s’agatat a su 250° tretu, apitzus de 262 natzionis, po sa poxentualli de laureaus in is arregionis oropeas; una perra de sa fortza de trabballu no bàrigat sa licèntzia mèdia. Is dipromaus sardus funti unu sugetu sotziali dèbbili meda, unu cuàturu de issus est imperau in trabballus a cualifigatzioni bàscia, su 24,2%. Continua a leggere ‘Arresistèntzia: po unu benidori prus mellus!’

E’ Devias il candidato presidente del FIU “Pro omines liberos de mente, de coro”

(IlMinuto) – Cagliari, 16 dicembre – E’ il nuorese Pier Franco Devias 39 anni, laureato in filosofia, il candidato alla presidenza della Regione Sardegna del Fronte Indipendentista Unidu. Il nome del candidato è giunto dopo un percorso lungo e democratico iniziato l’8 settembre scorso con la grande assemblea di Ghilarza. Una scelta che arriva dal basso per una nuova prospettiva realmente democratica, in cui ogni singolo è e deve essere protagonista del cambiamento. In una terra devastata dalla disoccupazione, dove le famiglie si sono drammaticamente impoverite, in cui la militarizzazione è il pane quotidiano, dove le industrie inquinano e chiudono, in una Sardegna dove la sanità si consuma nella grande bugia del diritto alla salute, con un discorso durato più di un’ora Devias ha delineato il programma politico del Fronte, un progetto che ha come punto fermo la rinascita della Sardegna, laddove per rinascita non s’intende certo quella iniziata negli anni ’60, che ha portato a un declino inesorabile dell’isola. Continua a leggere ‘E’ Devias il candidato presidente del FIU “Pro omines liberos de mente, de coro”’

15 dicembre: il giorno del Fronte Indipendentista Unidu

(IlMinuto) – Cagliari, 11 dicembre – Decine di assemblee popolari svoltesi in tutta l’isola, un cammino aperto e democratico che ha visto il Fronte Indipendentista Unidu confrontarsi con il popolo sardo. E’ da questo confronto che sono nati il programma e la scelta del candidato governatore della Sardegna per le elezioni che si svolgeranno nel 2014. Presentando l’assemblea che si terrà il 15 dicembre a Ottana nella sala Assemblee del Comune in via Emilio Lussu a partirte dalle ore 10.00, il Fiu precisa che il candidato governatore del Fronte Indipendentista Unidu è “quella persona che fra tutte è stata individuata dalle assemblee popolari e dai delegati come colei che risulta più in grado di rappresentare il carattere di coerenza e di determinazione richiesto dal nostro programma politico”. Ma non è tutto, perché nella stessa giornata di domenica il Fronte Indipendentista presenterà anche le linee generali del programma, che – si precisa in un comunicato – “sono state stabilite dal basso durante decine di assemblee popolari in tutta l’isola e ora verrà presentato nella sua prima bozza”. Continua a leggere ’15 dicembre: il giorno del Fronte Indipendentista Unidu’