> 2014 febbraio 03 | ilMinuto

Archivio del giorno 3/02/2014

Lìngua sarda e ortografia

Duncas.
Sa chistioni iat a èssiri longa meda, ma innoi mi bollu e mi depu firmai asuba de unas cantu cosas sceti.
Cumentzu narendi ca deu seu po un’ortografia standard de su sardu, cosa chi circu de ponni in sa pràtica de su trabballu miu.
Unu standard ortogràficu po sa scola, po s’amministratzioni pùblica, po sa televisioni, po is giornalis, po sa publicidadi e po totus is campus de sa vida. Po mei sa lìngua sarda est una.
Ma connòsciu sa stòria nosta, e mi depu ponni in sa conditzioni de cumprendi. E intzaras candu intendu, o lìgiu, is fueddus campidanesu/logudoresu o cosas aici, ddu sciu ca est una cosa perigulosa, ma sciu puru ca s’ant avesau a èssiri ischemàticus, a partziri sa realidadi po categorias.
E no mi spantu po custu. No mi pongu a tzerriai.
Sa lìngua sighit sa vida, no fait a fai s’imbressi, e fortzis, in su benidori, candu eus a lompi a fai una revolutzioni, a cambiai sa Sardìnnia, nisciunus at a imperai prus su fueddu campidanesu o logudoresu. Si nd’eus a scaresci de totu, no nc’at a èssiri prus su mesudì e sa tramuntana, e Logudoro e Campidanu no s’ant a podi nomenai prus po lei. Po imoi circu de cumprendi poit’est ca in sa conca nosta de sardus sigheus a aguantai custas categorias, poit’est ca no arrennesceus a si ndi scapiai de is luoghi comuni chi teneus. Est totu curpa de Dante? O de Wagner? O de sa categoria de is acadèmicus?
Podit èssiri ca issus apant fatu, fatzant, sa parti insoru, antzis est aici, ma custa cosa si depit bastai po cumprendi is cosas beni e po podi aprontai interventus de profetu? Continua a leggere ‘Lìngua sarda e ortografia’

Il riscatto di Bellomonte, figlio libero di Sardigna

(IlMinuto) – Cagliari, 3 febbraio – “Mercoledì scorso a tarda sera è arrivata una notizia che attendevamo da tempo. Bruno Bellomonte, dirigente storico della sinistra indipendentista sarda, è stato assolto in via definitiva dal Tribunale della Cassazione”. Inizia così il comunicato stampa scritto dal direttivo nazionale di a Manca pro s’Indipendentzia, giunto in redazione giovedì 30 gennaio scorso. In più di un’occasione, dal giugno del 2009, quando il dirigente della sinistra indipendentista venne arrestato, il nostro quotidiano ha parlato della vicenda del ferroviere e sindacalista Bellomonte, costretto a subire una dura carcerazione preventiva perché accusato di aver avuto l’intenzione di rifondare “l’organizzazione comunista armata ‘Brigate Rosse’ e in particolare di essere coinvolto nel fantasioso piano per il bombardamento aereo del vertice G8 a La Maddalena”. In barba al principio della territorialità della pena, di cui la sinistra indipendentista sarda ha invano chiesto l’applicazione, Bellomonte è stato tenuto per la gran parte del tempo della sua lunga carcerazione, durata quasi tre anni, nel carcere più lontano dalla città in cui vive, Sassari, licenziato dal posto di lavoro prima ancora di essere rinviato a giudizio a causa del suo assenteismo, e dipinto come un mostro da quasi tutte le testate giornalistiche. Continua a leggere ‘Il riscatto di Bellomonte, figlio libero di Sardigna’