> 06 « maggio « 2014 « ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Archivio del giorno 6/05/2014

Àlvaro Mutis. Su contu de Anna sa Cretekesa de s’aredeu de is Alekesus, una famìllia arrica de cumerciantis de Sardìnnia

ISTÒRIAS DE SA DISPERÀNTZIA
Editzionis Giùlliu Einaudi,
Turinu, 2003.
Pàginis 31/34
….Fiat intzandus chi ndi fut bessia Anna sa Cretekesa, e sa vida de Alar fiat cambiada de totu un’àtera borta.

Fiat sa giòvuna eredera de una famìllia arrica de cumerciantis de Sardìnnia, is Alekesus, chi si fiant disterraus a Gosantinòpoli de unas cantu generatzionis. Innias si gosànt sa cunfiàntzia e is prexeris de s’Imperadorissa, chi agiudànt medas bortas lassendidhi dinai meda, ca fiant favorius meda de s’incàrrigu de ndi bodhiri is stangus de is portus de Mesuterràneu.
Sa picioca e su fradi prus mannu fiant arrutus in is manus de is sdorrobbadoris moriscus in s’interis de sa torrada de unu biaxu fatu in Sardìnnia aundi teniant possessus e tancas mannas medas…
“…Eus tancaus totus is bessidas e s’imbrolliaus che a is feras chi s’imbrolliant in su scoriu de is gàbbias de su circu. Cudhu chi mi contas de s’ambassadori de Sacru Arromanu Imperu mi parit un’amostu chi cunfirmat is arrexonis de mei e tui, che a Logutetu de s’Imperu, iast a dèpiri fàiri cumprendi cantu siant no craras is intentzionis de issu e sballiadas is bideas de issu, ma custu iat a bòlliri narrri…”. Continua a leggere ‘Àlvaro Mutis. Su contu de Anna sa Cretekesa de s’aredeu de is Alekesus, una famìllia arrica de cumerciantis de Sardìnnia’

Unu biàgiu pro istudiare s’ispagnolu: a Granada

(IlMinuto) – Casteddu, su 6 de maju – Pro ite istudiare s’ispagnolu? Ca s’ispagnolu nos permitet de comunicare cun prus de 495 milliones de persones in totu su mundu. Pro custa resone oe sa connoschèntzia de sa limba ispagnola est semper prus de importu in is curriculum de is giòvanos chi chircant traballu. In prus, connòschere s’ispagnolu permitet de biagiare e comunicare cun fatzilidade in is 21 istados de limba ufitziale ispagnola.
Imparare unu pagu de ispagnolu bos at a èssere ùtile de seguru unu cras!

Pro meda giòvanos, s’Ispagna est sa prima terra de is biàgios, sa de is grandes iscobertas. Duncas non depimus fàghere àteru chi unire su chi est ùtile cun su chi lis agradat: unu biàgiu de istùdiu in Ispagna pro is vacàntzias de s’istade podet èssere sa risposta giusta a su disìgiu de is prus giòvanos de biagiare e, in su matessi tempus, lis at a permìtere de imparare sa limba ispagnola!

Ma a ue andamus a imparare custa limba? Is logos sunt medas, ma nois bos cussigiamus una tzitade andalusa: Granada, cun s’architetura sua, is butegas suas, is locales a sa moda e sa bida culturale ispipilla chi est una de is tzitades prus bellas de Europa e est unu logu chi càstiat a su tempus benidore.

Granada difatis est una tzitade galana chi costoit s’allèriu de sa cultura àraba e is monumentos bellos meda, chi ddoe faghent andare ogni annu milliones de biagiadores. Sa tzitade est numenada pro is festas e prena de locales de gitanos in ue cantant e ballant su flamenco e sa zambra gitana!

Continua a leggere ‘Unu biàgiu pro istudiare s’ispagnolu: a Granada’

A Parigi con L’Unesco “La Musique, la Culture, Les Traditions d’une ile dans la Mèditerranée: La Sardaigne”

(IlMinuto) – Cagliari, 6 maggio – La Sardegna in cammino a Parigi, verso un nuovo riconoscimento a Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, accoglie per la prima volta, davanti alla stampa internazionale e alle personalità dell’arte, delle istituzioni e dell’economia di Francia, le launeddas. Il 15 maggio prossimo le launeddas di Luigi Lai apriranno infatti il prestigioso evento “La Musique, la Culture, Les Traditions d’une ile dans la Mèditerranée: La Sardaigne”, e inaugureranno il concerto di gala delle star della musica classica, quest’anno alla sua settima edizione. Continua a leggere ‘A Parigi con L’Unesco “La Musique, la Culture, Les Traditions d’une ile dans la Mèditerranée: La Sardaigne”’

Ecco come Sabino candidato a sindaco per il FIU cambierebbe Sassari

(IlMinuto) – Cagliari, 6 maggio – 34 anni, corre per elezioni comunali di Sassari, Cristiano Sabino è il più giovane dei sei candidati a sindaco. Volto noto dell’indipendentismo, professore di Storia e Filosofia, è il nome che il Fronte Indipendentista Unidu ha scelto, in un ‘assemblea pubblica, per entrare a Palazzo Ducale. Una grande aspirazione la sua, quella di cambiare Sassari. Per capire come lo farà abbiamo rivolto al candidato del FIU alcune domande:

Cinque aggettivi che descrivono Sassari oggi e perché

Nascosta non solo perché tantissimi spazi e strutture della nostra città sono abbandonate e impraticabili, ma anche perché esistono energie inespresse di tipo culturale ed economico che nessuna amministrazione ha mai ascoltato e promosso.
Sedotta e abbandonata da decenni di amministrazione colonialista, di una parrocchia o l’altra. Ad ogni tornata elettorale nuova seduzione e poi l’abbandono.
Bella addormentata. Perché è una città messa su da zappatori, ortolani e commercianti nei secoli e ricca di una cultura popolare unica nel suo genere, che va tutelata e difesa prima che sia troppo tardi. Perché è la mia città e nonostante le colate di cemento, le zone industriali che hanno soffocato gli orti, i palazzi storici colpevolmente abbandonati, le valli trasformate in giungle inarrivabili continuo a trovarla magica e mi piace pensare che un giorno, magari anche con il nostro contributo, le vie del centro possano tornare a popolarsi di botteghe e mercati e le piazze ad essere teatro di incredibili storie sassaresi. Sassari si sveglierà dal lungo sonno in cui una storia di sudditanza e corruzione l’ha precipitata.

Come intendete coinvolgere la popolazione di Sassari affinché possa tenere il controllo, pubblico e trasparente di tutte le operazioni urbanistiche che si attueranno? Continua a leggere ‘Ecco come Sabino candidato a sindaco per il FIU cambierebbe Sassari’