> Incendi nei poligoni militari. Il colonialismo non accetta “toppe” « ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Incendi nei poligoni militari. Il colonialismo non accetta “toppe”

(IlMinuto) – Cagliari, 13 ottobre – Il colonialismo non accetta di allentare la morsa nemmeno nella lunga estate sarda. Nonostante la serie di incendi che hanno coinvolto le aree destinate alle esercitazioni militari nell’Isola (l’ultimo episodio ha coinvolto il poligono di Capo Teulada all’inizio di ottobre), il Tar della Sardegna ha detto sì al ricorso del Ministero della Difesa contro l’applicazione, dalla metà di giugno alla metà di ottobre, delle norme antincendio all’interno dei poligoni militari (il 5 novembre la Camera di Consiglio del Tar si pronuncerà sulla richiesta cautelare di di sospensiva, che completa il ricorso). Per il Tar il rispetto delle norme antincendio nei poligoni militari potrebbe causare infatti – si può leggere su diversi organi di stampa – “gravissimi danni di natura operativa ed economica“. Il colonialismo militare italiano non accetta quindi nemmeno di apporre una misera “toppa” (l’applicazione delle norme antincendio fra metà giugno e metà ottobre, introdotta dalla delibera della Giunta regionale del 16 settembre) a un “tessuto” (la Sardegna e i suoi abitanti) che continua a essere logorato, stracciato e sporcato giorno dopo giorno, da gennaio a dicembre.

ND

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a “Incendi nei poligoni militari. Il colonialismo non accetta “toppe””


I commenti sono chiusi.