> “Se la mia terra mi respinge”: il Medio Campidano per l’accoglienza e l’integrazione | ilMinuto

“Se la mia terra mi respinge”: il Medio Campidano per l’accoglienza e l’integrazione

(IlMinuto) – Cagliari, 9 febbraio – Si è tenuta domenica 7 febbraio, nel Museo Naturalistico del Territorio “G. Pusceddu” di Lunamatrona, la proiezione gratuita de “Se la mia terra mi respinge”, video-documentario realizzato nell’ambito del progetto Memorie Migranti e prodotto da Micro Fratture Teatro.
Da maggio 2011 a marzo 2013, nel territorio del Medio Campidano sono stati accolti oltre 73 cittadini provenienti da aree geografiche disagiate, soprattutto dalla Libia. Da questa esperienza di accoglienza e integrazione è nato un progetto il cui lo scopo è stato “l’incontro e il dialogo per raccontarsi, tenendo viva la memoria, per riappropriarsi in qualche modo ognuno della propria storia, per esprimere la propria istanza, la propria visione del mondo, dar voce ai propri sogni di futuro”.

“Memorie Migranti è stato realizzato grazie alla collaborazione di quanti hanno appoggiato il progetto investendo col proprio lavoro e creatività” – ha dichiarato Monica Serra, presidentessa di Micro Fratture Teatro. “La partecipazione dei cittadini migranti ha dato vita a preziosi momenti di incontro e di dialogo attraverso i quali ognuno ha raccontato la propria storia”.

Per la presidentessa il documentario, realizzato attraverso le testimonianze dirette dei migranti e il confronto con il contesto urbano che li ospita, “è una riscrittura del territorio del Medio Campidano, un percorso creativo di indagine interculturale che ridefinisce l’identità e ne rinnova la memoria, originando nuove forme di convivenza sociale”.

L.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a ““Se la mia terra mi respinge”: il Medio Campidano per l’accoglienza e l’integrazione”


I commenti sono chiusi.