> Cagliari: la Bottega dei Sogni presenta “Madri in terra straniera” | ilMinuto

Cagliari: la Bottega dei Sogni presenta “Madri in terra straniera”

(IlMinuto) – Cagliari, 20 giugno – L’Associazione Efys Onlus, con la Rete del Centro di Quartiere La Bottega dei Sogni, organizza la proiezione del film documentario “Madri in terra straniera” in programma per il prossimo giovedì 23 giugno alle ore 18.30 nei locali del Centro di Quartiere in Piazza Savoia 4 a Cagliari.

Il documentario, ambientato in Sardegna, è il racconto di quattro storie di donne diventate madri in terra straniera: Tingting (Cina), Paulina (Polonia), Queen (Nigeria) e Fatima (Marocco). Per le donne immigrate, la gravidanza, il parto e i primi anni di vita del bambino sono una fase di particolare vulnerabilità, che provoca spesso disorientamento acuendo i problemi che, al di là della gravidanza, spesso sono determinati dalla scarsa integrazione.Il film, realizzato da Gabriele Meloni e Marco Spanu nell’ambito del Progetto “Diventare genitori in terra straniera” (cofinanziato dalla Regione Sardegna, Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale e Cooperazione Sociale), sarà presentato dalle Associazioni AIDOS Sardegna e inMediAzione.

Il Centro di Quartiere La Bottega dei Sogni è una realtà che lavora quotidianamente con le famiglie e in particolare con le madri di diverse nazionalità. La proiezione di “Madri in terra straniera” nasce dalla volontà di approfondire e sensibilizzare le persone su tematiche cruciali per la vita di tante donne che frequentano e vivono il Centro.

Alla proiezione saranno presenti le protagoniste, gli autori e gli operatori che modereranno il dibattito. L’ingresso è libero e gratuito. Come di consueto, per consentire ai genitori con bambini di partecipare alla serata, gli organizzatori attiveranno uno spazio dedicato ai più piccoli, con attività ludiche ricreative curate dagli educatori de La Bottega dei Sogni.

L. P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 Risposte a “Cagliari: la Bottega dei Sogni presenta “Madri in terra straniera””


I commenti sono chiusi.