> Manifestazioni | ilMinuto

Archivio dell'argomento 'manifestazioni'

Ammazzati dalla speculazione energetica. “No al Termodinamico” di Cossoine scende in piazza

(IlMinuto) – Cagliari, 27 giugno – Battersi contro la speculazione energetica è il moto della manifestazione organizzata per il 30 giugno prossimo dal Comitato “No al Termodinamico di Cossoine” in collaborazione con l’amministrazione comunale del paese, a partire dalle 9.00, con concertamento nel bivio di Cossoine. Un’iniziativa alla quale sono invitati – si legge in una nota stampa – tutti i Comitati che come il nostro a vario titolo si battono contro la speculazione energetica e contro ogni forma di sopraffazione dei singoli da parte delle multinazionali e dei poteri forti”. I membri del Comitato “No al Termodinamico di Cossoine” lottano da tempo per la tutela del territorio, fermamente convinti che la Sardegna meriti un modello di sviluppo diverso da quello in grado di presentare solo strutture estese e a forte impatto sul territorio. L’obiettivo della manifestazione che si terrà domenica 30 giugno è, come precisano gli organizzatori, quello di unire tutte le forze che si oppongono a scelte volute dai politici e dalle multinazionali e che depredano il suolo. Continua a leggere ‘Ammazzati dalla speculazione energetica. “No al Termodinamico” di Cossoine scende in piazza’

Dosta organizza una manifestazione per dire Sì alla solidarietà e alla fratellanza e per dire no al razzimo

(IlMinuto) – Cagliari, 7 giugno – Si svolgerà sabato 8, a partire dalle 16.30 con concertamento nella scuola Media Giuseppe Manno in via del Collegio, davanti all’ingresso di Sant’Eulalia a Cagliari, la manifestazione promossa dall’associazione Rom Dosta per dire basta al razzismo messo in atto dall’organizzazione di destra “Lotta studentesca”, che alcuni giorni fa, ha simbolicamente chiuso le tre scuole cittadine che accoglieranno gli adulti Rom che intendono conseguire la licenza media. “Il diritto allo studio è stato una conquista sociale, frutto di lunghe lotte, e deve essere considerato come patrimonio di tutti”, afferma con forza il volantino diffuso dall’associazione. Continua a leggere ‘Dosta organizza una manifestazione per dire Sì alla solidarietà e alla fratellanza e per dire no al razzimo’

La Marcia della Terra: per “riscrivere il proprio futuro, dicendo NO al progetto Eleonora per dire SÌ ad Eleonora”.

(IlMinuto) – Cagliari, 9 aprile – Un vero e proprio stupro. E’ il progetto che la Saras S.p.A. ha in cantiere per il territorio di Arborea, i suoi cittadini e la Sardegna tutta. In difesa del futuro della terra e del popolo sardo e contro la realizzazione di un pozzo per l’estrazione di idrocarburi, il 20 aprile prossimo, in contemporanea all’assemblea pubblica convocata da Saras S.p.A. per la presentazione del Progetto Eleonora, si muoveranno i piedi di una nazione. Titolo dell’iniziativa: la Marcia della Terra. L’appuntamento è per le 10.00 nella piazza di Arborea: “ognuno con un pugno di terra, della propria terra” – si legge nel comunicato stampa della Segreteria Nazionale di ProgReS – Progetu Repùblica – per riconsegnare simbolicamente la propria terra ad Eleonora e “per rivendicare il diritto di decidere non solo delle nostre risorse ma della nostra vita e del nostro futuro”. Continua a leggere ‘La Marcia della Terra: per “riscrivere il proprio futuro, dicendo NO al progetto Eleonora per dire SÌ ad Eleonora”.’

A Bastia manifestestazione per chiedere uno statuto fiscale corso

La lotta di liberazione corsa non si ferma. Sabato 9 febbraio Bastia sarà animata da una grande manifestazione per chiedere uno statuto fiscale corso. La protesta è il primo passo di una mobilitazione più ampia a favore di una tempestiva soluzione politica della questione della Corsica.

Arrêtés Miot : Une grande manifestation qui se veut exemplaire

Le Collectif a fait boule de neige. Au fil des jours et des semaines, ce sont des centaines de nouvelles adhésions qui se sont ajoutées à la déjà longue liste des manifestants hostiles à la suppression des Arrêtés. Mercredi matin, le Collectif a donné une conférence de presse pour faire le point avant le grand rassemblement de cette fin de semaine à Bastia. Continua a leggere ‘A Bastia manifestestazione per chiedere uno statuto fiscale corso’

A Manca in campo con Su Majolu “per la lingua sarda come lingua ufficiale”

(IlMinuto) – Cagliari, 11 dicembre – Il germe della discriminazione etnica come pratica che priva le persone dei loro diritti trattandole in modo ingiusto, intollerante, che le umilia, le offende sulla base di caratteristiche somatiche e/o culturali e/o sulla base dell’origine etnica e/o dell’appartenenza religiosa. Di costante discriminazione etnica subita dal popolo sardo attraverso la ripetuta e quotidiana cancellazione della lingua e della memoria storica parla una denuncia divulgata dalla sinistra indipendentista sarda. A Manca pro s’Indipendetzia si schiera contro il processo di estirpazione del sardo e appoggia la battaglia dell’associazione studentesca Su Majolu contro il centralismo del Governo Monti, che sta approvando una legge per ratificare la Carta europea delle lingue regionali e di minoranza. “Costretto a riconoscere il sardo come lingua, il Parlamento italiano – spiega a Manca in un comunicato stampa – sta puntando a sceglierle il livello più basso, in modo da non rendere nei fatti il sardo una lingua coufficiale all’italiano”. Morale della favola: “sebbene il sardo sia la seconda lingua più parlata all’interno dello stato italiano” le altre nazioni senza stato potranno usufruire di maggiore tutela. Contro questo processo di sradicamento in favore di un’italianizzazione forzata, che vede e tratta la cultura della Sardegna come cultura subalterna, l’organizzazione indipendentista scenderà in piazza il 13 dicembre alle 10.00 insieme all’associazione Su Majolu, e appoggerà la battaglia che gli universitari sassaresi hanno promosso contro lo sgambetto che la politica italiana si prepara a fare alla lingua del popolo sardo. L’intento – afferma a Manca pro s’Indipendentzia – è di “creare un fronte unito per la lingua sarda come lingua ufficiale” per chiedere “che venga garantito l’insegnamento del sardo in tutte le scuole e le università sarde, che venga garantito il diritto di fare domanda e ricevere una risposta in sardo dai servizi pubblici, di avere una televisione, una radio e un giornale quotidiano totalmente in lingua sarda e l’istituzione di un corso di laurea di formazione dei maestri e dei professori”. Continua a leggere ‘A Manca in campo con Su Majolu “per la lingua sarda come lingua ufficiale”’