> ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Archivio dell'argomento ''

Referendum: Cagliari in piazza per dire quattro sì

(IlMinuto) – Cagliari, 10 giugno – Si chiuderà stasera con una manifestazione in piazza del Carmine a Cagliari la campagna per il sì ai quattro referendum sul servizio idrico, sul nucleare e sul legittimo impedimento. L’iniziativa – organizzata dai Comitati Acqua bene comune, dal Comitato Sinonucle e dai movimenti di base – prenderà il via alle 18.00 con spettacoli di strada, giochi, danze e musica.
“Alle 20.00 – si legge in una nota – confluiranno in piazza del Carmine i cortei partiti da piazza San Michele e piazza San Giovanni XXIII, per lo spettacolo finale, in cui suoneranno il gruppo di Neoneli, i Ratapignata, gli Alma mediterranea e Mario Massa”. Per 4 sì anche il consigliere regionale indipendentista Claudia Zuncheddu. Continua a leggere ‘Referendum: Cagliari in piazza per dire quattro sì’

Referendum. Comitato “Vota SI per fermare il nucleare”: “Cappellacci non si tiri indietro”. L’appello del Pdci

referendum(IlMinuto) – Cagliari, 3 giugno – “Dopo il grandissimo risultato del referendum regionale contro il nucleare è necessario rafforzare la scelta condivisa da circa il 97% degli elettori sardi votando SI al referendum nazionale e contribuendo al raggiungimento del quorum di votanti”. E’ quanto afferma con una nota il Comitato “Vota SI per fermare il nucleare” a pochi giorni dal voto referendario del 12 e del 13 giugno. ”Il Comitato – si legge in una nota stampa – auspica che il Presidente della Giunta regionale non si tiri indietro di fronte a questo referendum e continui con lo stesso impegno profuso per il referendum sardo”. Sui quattro referendum interviene anche Alessandro Corona, coordinatore regionale del Pdci. Continua a leggere ‘Referendum. Comitato “Vota SI per fermare il nucleare”: “Cappellacci non si tiri indietro”. L’appello del Pdci’

Referendum: il 12 e 13 giugno Sinonucle contro nucleare e privatizzazione acqua. Appello contro “Quattro leggi infami”

referendum giugno(IlMinuto) – Cagliari, 30 maggio – Continua la battaglia di Sinonucle. Dopo la vittoria del 15 e 16 maggio l’Esecutivo del Comitato ha deciso di impegnarsi anche nei referendum del 12 e del 13 giugno.  Il Comitato – si legge nella delibera approvata la settimana scorsa ad Oristano – “ha stabilito di impegnarsi, con la stessa decisione [...] dimostrata nel referendum consultivo regionale, nella promozione del SI nel referendum contro il nucleare e nei due referendum contro la privatizzazione dell’acqua. In merito al referendum sul legittimo impedimento il comitato condivide l’esigenza di rendere tutti i cittadini uguali davanti alla legge”. Sullo stesso tema è stato anche diffuso l’appello “Quattro leggi infami, sottoscritto da Sinistra Critica, Collettivo Marxista-Leninista di Nuoro , Circolo Rifondazione comunista Oristano 2 e Vincenzo Pillai (Prc).  Continua a leggere ‘Referendum: il 12 e 13 giugno Sinonucle contro nucleare e privatizzazione acqua. Appello contro “Quattro leggi infami”’

Nucleare. “Con la vittoria al referendum inizia percorso di sovranità e indipendenza”, aMpI ribatte alle affermazioni del Ministro Vito

aMpI sovranità e nucleare(IlMinuto) – Cagliari, 19 maggio – “Il popolo sardo è stanco di menzogne”. Così il direttivo nazionale di a Manca pro s’Indipendentzia commenta le affermazioni del Ministro per i rapporti con il Parlamento, Elio Vito, sulla vittoria dei Si – col 97,13% – nel referendum sul nucleare del 15 e del 16 maggio. Vito – spiega aMpI – “afferma che l’esito del referendum consultivo è significativo solo dell’atteggiamento della popolazione sarda e non della volontà dell’Italia e quindi ne dichiara l’illegittimità. Ma non è tutto. Il signor Ministro italiano dichiara con ignoranza e presunzione che in Sardigna non c’è stata una campagna informativa adeguata su ‘rischi’ e ‘prospettive’ che derivano dall’ospitare nella nostra terra, da sempre stuprata dall’Italia, le centrali nucleari e i depositi di scorie”. Continua a leggere ‘Nucleare. “Con la vittoria al referendum inizia percorso di sovranità e indipendenza”, aMpI ribatte alle affermazioni del Ministro Vito’

Referendum: 850mila sardi sbarrano la strada al nucleare. Cumpostu: “Dall’Isola un messaggio per il mondo”

vittoria del sì contro il nucleare(IlMinuto) – Cagliari, 17 maggio – La Sardegna boccia il nucleare. Il 15 e il 16 maggio 880.171 sardi – il 59,49 per cento degli aventi diritto – hanno partecipato al referendum consultivo sbarrando la strada alla costruzione di centrali nucleari e depositi per scorie radioattive nell’Isola. Col 97,98% dei SI contro il nucleare dalla Sardegna parte un chiaro messaggio verso il mondo a poco più di due mesi dalla catastrofe di Fukushima. “Sarà un grande messaggio – commenta il coordinatore del Comitato Sinonucle Bustianu Cumpostu – che parte da un piccolo popolo, che ha però una grande storia.  Il messaggio ‘For a world nuclear free” è scritto con il linguaggio universale della musica e raggiungerà tutte le popolazioni che vogliono un altro tipo di interrelazione con la madre terra”.
Per a Manca pro s’Indipendentzia – che ha condotto una campagna anti-nucleare autonoma con numerose assemblee in tutta l’Isola – l’esito referendario è “una grande vittoria delle forze indipendentiste”. “Si tratta – commenta aMpI – di una straordinaria prova di forza del popolo sardo che ha finalmente deciso di seguire le forze sane della nazione sarda nonostante il silenzio assordante dei partiti e dei sindacati italiani che, salvo rare ed isolate eccezioni, hanno boicottato la campagna”. Questa invece la opinione a caldo di Gianluigi Deiana di Sinistra Critica. Continua a leggere ‘Referendum: 850mila sardi sbarrano la strada al nucleare. Cumpostu: “Dall’Isola un messaggio per il mondo”’

Biàgios

Social

Facebook     Twitter     Feed RSS  

In primo piano

 

ottobre: 2019
L M M G V S D
« apr    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  
Formas
S'Urtima nova