> Partiti | ilMinuto - Part 2

Archivio dell'argomento 'partiti'

Pagina 2 di 143

Sostegno Riformatori Psd’Az a Pigliaru. Sinistra Sarda: “si tratta di una carnevalata”

(IlMinuto) – Cagliari, 7 marzo – “Apprendiamo che i Riformatori e il Psd’Az offrono, con un’atto di generosità inaudita, il proprio contributo al Presidente Pigliaru, garantendo un sostegno sui fatti concreti che il governatore sarà chiamato ad attuare, per rilanciare la Sardegna [...]. Non possiamo restare indifferenti alle farneticazioni di chi, dopo aver contribuito direttamente a cinque anni di malgoverno, ritiene ancora di poter raccontare le favole ai sardi”. Sono le parole riportate in una nota stampa firmata da Giovannino Deriu e Alessandro Corona di Sinistra Sarda in cui si sottolinea che i due partiti, Riformatori e Psd’Az dovrebbero guardare in casa propria domandandosi come mai i sardi abbiano deciso di cambiare passo e di votare il centro-sinistra e il suo candidato presidente. Continua a leggere ‘Sostegno Riformatori Psd’Az a Pigliaru. Sinistra Sarda: “si tratta di una carnevalata”’

Documentu: sa proposta linguistica de sa Manca indipendentista sarda

Documentu de anàlisi a pìgiu de sa polìtica linguìstica de A Manca pro s’Indipendèntzia

Sa gherra pro su bilinguismu in Sardigna est una gherra pro s’ emantzipatzione natzionale e sotziale de sos traballadores sardos. S’Itàlia, dae cando at impostu su domìniu suo in subra de sa Terra nostra, at chircadu semper de si fraigare un’egemonia assoluta in totu sa cultura sarda, gasi etotu comente ant semper fatu totu sos istados capitalistas e mescamente sos regimes coloniales europeos in sas terras chi an conchistadu. In custa manera at fatu nàschere una classe dirigente italianizada chi at amministradu sa terra nostra pro contu de su colonialismu e chi at mantesu su pòpulu nostru ammasedadu e dormidu, in manera de non bi nàschere una classe dirigente orgànica a su pòpulu nostru chi àeret àpidu s’istrutzione e sos istrumentos culturales chi lis fiant servidos pro pesare in manera crara e sena cumpromissos un’opositzione organizada contra a su colonialismu istràngiu. Pro custu, in sos 150 annos colados, belle totu sas esperièntzias de gherra de su pòpulu sardu contra a s’istadu sunt istadas individuales e no ant àpidu una prospetiva de organizare a sos sardos contra a s’Italia; e totu sos chi ant gherradu pro liberare sos sardos l’ant fatu in sa limba de sos colonialistas e sena de si pònnere in manera crara contra a s’istadu italianu. Unu de sos fundamentos de custu progetu de fraigadura de s’egemonia culturale italiana in Sardigna (a s’incomintzu mescamente pro sos pagos sardos istudiados) est istada s’impositzione de s’italianu comente ùnica limba de cultura in Sardigna. S’italianu, ant comintzadu a bellu a bellu a l’impreare dae su 1720, cando est arribadu su primu Vicerè piemontesu, e l’ant postu comente ùnica limba ufitziale in su 1760, (ma galu in sa prima midade de s’800 b’aiat gente chi iscriiat in sardu o in ispagnolu (mèscamente sa crèsia)).Dae tando s’istadu italianu at chircadu de cantzellare su sardu dae sa bida pùblica de Sardigna, ma medas bortas l’at dèpidu impreare a mala gana ca sos sardos, in foras de pagas tzitades, s’italianu non lu connoschiant pro nudda. E tando in s’800 sa tzensura italiana aiat permissu de publicare carchi bocabolàriu sardu-italianu e carchi libru iscritu in ambas sas limbas. Su sardu in iscola non bi esistiat e pro custa resone sa Sardigna fiat una de sas terras in Europa in ue b’aiat prus pagu gente capassa de lègere e iscrìere. Dae cando s’italianu, at comintzadu a lu cumprèndere unu pagu de gente in sas tzitades mannas e sos burghesos in sas biddas, s’Italia s’est semper cumportada comente chi s’italianu esseret istadu sa limba de totu sos sardos. Continua a leggere ‘Documentu: sa proposta linguistica de sa Manca indipendentista sarda’

Documento: Manca Democràtica aderisce a Fronte Unito Indipendentista

Manca Democràtica aderisce favorevolmente al Fronte Unito indipendententista e alle assemblee che si svolgeranno sul territorio perché li ritiene un’occasione importante per dare una speranza a tutti, in contrapposizione alla politica fallimentare attuate finora in sardegna. Il metodo adottato, che sentiamo democratico, sta permettendo a tutte le persone che vogliono impegnarsi per cambiare e migliorare la società sarda, di dare il proprio contributo per comporre la lista delle priorità, scegliere i propri rappresentanti al di la’ di logiche clientelari o di partito, e tradurle in proposte operative. Continua a leggere ‘Documento: Manca Democràtica aderisce a Fronte Unito Indipendentista’

Aumento Tares spropositato. A Manca: “un danno per i cittadini nuoresi”

(IlMinuto) – Cagliari, 17 settembre – “Lo Stato italiano e l’amministrazione comunale nuorese non smettono di mettere mano alle tasche dei cittadini con pretesti che niente hanno a che fare coi servizi da erogare alla collettività, ma che anzi servono come al solito a rimpinguare le casse dello Stato italiano [...] e di pochi privati”. E’ la dura constatazione fatta da a Manca pro s’Indipendentzia, che denuncia l’aumento spropositato della nuova tassa sui rifiuti urbani, la Tares, facendo presente che in alcuni casi l’aumento raggiunge il 500% rispetto all’anno scorso. “Una tassa maggiorata che vuole essere calcolata dallo Stato italiano in base al presunto quantitativo di rifiuti annui, e dall’amministrazione comunale anche in base al servizio di raccolta e smaltimento rifiuti”. La cosa più strana è però data dal fatto che “anziché risparmiare dal circuito del riciclo, che va a rifornire di materia prima alcune aziende private, si paga di più. In pratica si chiede al cittadino un impegno per preparare la materia prima che esso dovrà regalare a chi poi la rivende a proprio esclusivo beneficio, e per colmo della beffa lo si obbliga anche a pagare un conto salatissimo!”. Continua a leggere ‘Aumento Tares spropositato. A Manca: “un danno per i cittadini nuoresi”’

Nasce l’indipedentismo partecipativo. Una riflessione di Cristiano Sabino

(IlMinuto) – Cagliari, 13 settembre – In questa terra dove sembra regnare la rassegnazione e il fatalismo e dove ogni volta che qualcuno cerca di muovere un dito viene bollato con lo slogan castigliano “pocos, locos y maleunidos” è successo un fatto nuovo.
Più di duecento persone si sono svegliate una domenica all’alba, hanno preso l’auto e si sono dirette a Ghilarza per decidere cosa fare alle elezioni sarde del 2014. Qui si sono riunite, hanno deciso democraticamente il modus operandi dei lavori assembleari, hanno discusso, si sono scontrate, a volte si sono anche mandate a quel paese e poi, hanno limato le differenze e trovato una sintesi. Quindi hanno votato praticamente all’unanimità, dopo averli abbondantemente discussi ed emendati, due documenti, uno politico e uno organizzativo. Nel primo si dichiara che è giunta l’ora di costruire le fondamenta del fronte unito indipendentista. Nel secondo si delinea il percorso concreto di tale costruzione, attraverso la costituzione di comitati provinciali che discutano liberamente i punti programmatici ed eleggano i propri delegati al comitato nazionale.
Come spesso accade nella storia le cose più semplici sono anche quelle più rivoluzionarie. Finora nessuno ci aveva provato, ma a Ghilarza è venuta fuori la comune esigenza di rendere finalmente diretto e partecipativo il dibattito indipendentista. Diciamo la verità, nel mondo indipendentista nessuno si aspettava il successo dell’Assemblea di Ghilarza, anzi qualcuno si augurava addirittura un suo fallimento. Invece il tavolo da gioco è stato ribaltato e i partecipanti all’assemblea di Ghilarza hanno posto al centro del dibattito politico due questioni fondamentali: la coerenza e la partecipazione. Fino a ieri sembrava che parlare di indipendentismo significasse ormai accettare di “fare patti col diavolo”, accordarsi con il centrosinistra italiano, appiattirsi sul grillismo, fondare neologismi vuoti come “sovranismo” o guardare dalla finestra l’eterno oscillare del Psd’Az. Continua a leggere ‘Nasce l’indipedentismo partecipativo. Una riflessione di Cristiano Sabino’