> ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Archivio dell'argomento ''

Pagina 2 di 35

Dal 28 al 29 marzo il seminario “Deledda nelle scuole”

(IlMinuto) – Cagliari, 26 marzo – Si svolgerà dal 28 al 29 marzo a Nuoro, nell’Auditorium dell’Istituto Superiore Regionale Etnografico della Sardegna, il “Seminario Nazionale Deledda nelle scuole”. Un progetto della Direzione per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica, nato in collaborazione con l’ISRE, l’Università degli Studi di Sassari e l’Associazione degli Italianisti. Patrocinata dalla Camera dei Deputati, l’iniziativa è destinata agli Istituti Secondari di secondo grado e si colloca all’interno delle Olimpiadi di Italiano – Giornate della lingua italiana per promuovere la lingua italiana e celebrare gli anniversari della letteratura italiana. Continua a leggere ‘Dal 28 al 29 marzo il seminario “Deledda nelle scuole”’

Documentu: solidariedade de Su Majolu a is giòvanos sardos chi sunt gherrende pro sos istitutos de sas biddas issoro

S’assòtziu Su Majolu cheret fàghere is augùrios a is 200.000 istudiantes sardos chi in custas dies sunt comintzende s’annu nou de iscola, ischende chi pro istudiantes meda at a èssere semper prus matanosu àere riconnotu su deretu a s’istùdiu. Esprimimus sa solidariedade nostra a totu is giòvanos sardos chi sunt gherrende pro mantènnere abertos e autònomos sos istitutos de sas biddas issoro, e chi ant giai comintzadu a organizare protestas e maniferstatziones. Una responsabilidade manna meda pro custa situatzione est de s’amministratzione regionale, chi no est istada mancu capassa de isfrutare su pagu podere autònomu chi at, pro cambiare su pianu de dimensionamentu iscolàsticu, pensende a is bisòngios de is giòvanos sardos. Imbetzes de si preocupare de sos interessos de sos istudiantes sardos, sa Giunta regionale at mustradu de èssere interessada petzi a sighire sos inditos de su Ministeriu italianu de risparmiare in s’istrutzione, e at aprovadu unu pianu iscolàsticu chi unit deghinas de istitutos in totu sa Sardigna, ponende fatu a sa traditzione de tzerachia e servilismu chi nos ant abituadu a suportare sos guvernos regionales sardos.Su sistema iscolàsticu in Sardigna est mustrende semper de prus sa decadèntzia sua, sighende sa rughina de un’istitutzione chi nche l’ant pensada prus pro italianizare is sardos in sa limba e in sa cultura, chi non pro garantire a sos pitzocos sardos un’istrutzione bona e, gràtzias a cussa, unu mègius cras a totu su pòpulu sardu.

Continua a leggere ‘Documentu: solidariedade de Su Majolu a is giòvanos sardos chi sunt gherrende pro sos istitutos de sas biddas issoro’

Documento: lettera dei docenti abilitati del Tirocinio Formativo Attivo

Cari genitori e studenti,

il nuovo anno scolastico sta iniziando e alle incertezze di sempre si aggiunge una situazione paradossale, ingiusta per noi e lesiva per la qualità della scuola.

Dopo diversi anni durante i quali non erano stati attivati percorsi formativi e abilitanti alla professione di insegnante, finalmente nel giugno 2012 il Ministero dell’Istruzione ha istituito il TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO ORDINARIO (TFA). L’accesso a numero chiuso, calcolato sulla base del fabbisogno di ciascuna regione e concepito per una selezione meritocratica, prevedeva tre prove di disciplina, una nazionale e due di ateneo. Continua a leggere ‘Documento: lettera dei docenti abilitati del Tirocinio Formativo Attivo’

Nella Bassa Baronia muore il diritto allo studio. L’indignazione di Scida

(IlMinuto) – Cagliari, 10 settembre – Esprime forte preoccupazione il sindaco di Galtellì per lo smantellamento dell’istituto comprensivo del paese, un totale di sette plessi scolastici e 620 alunni che metterà in ginocchio gli studenti della Bassa Baronia (Galtellì, Irgoli, Loculi e Onifai). L’istituto è stato infatti affidato alla reggenza di Nuoro, “distruggendo un’autonomia che durava da trent’anni e ponendo seri problemi [...] alle scuole, sottoposte ad un direttore residente ad oltre 30 km di distanza”. E’ l’atto finale di un disastro che ha una storia lunga almeno cinque anni, “quando la comunità della Baronia manifestò la sua preoccupazione prima contro gli effetti nefasti della Riforma Gelmini e poi della legge 111/2011″, che “imponevano l’accorpamento o la reggenza per gli istituti comprensivi con meno di 1000 alunni e degli istituti secondari di secondo grado con meno di 500 alunni”. La vicenda della scuola media di Galtellì è solo una delle tante che negli ultimi anni hanno afflitto i giovani baroniesi, ma è l’emblema di una difficile situazione che colpisce le zone interne della Sardegna, dove vengono applicati provvedimenti centralisti lesivi per la realtà isolana oltre che deprecabili di per sé. Sulla vicenda si sono pronunciati gli studenti indipendentisti di Scida, che danno pieno sostegno alla lotta delle comunità “contro la mortificazione della scuola”. Continua a leggere ‘Nella Bassa Baronia muore il diritto allo studio. L’indignazione di Scida’

No a sa discriminatzione de sa limba nostra

(IlMinuto) – Casteddu, 10 de su mesi de trìulas – Lunis coladu Elisa Melis, una pitzinna de Biddamanna de 18 annos, at dadu s’esame orale in un’iscola superiore de Tortuelie. A pustis de àere faeddadu de àteras matèrias in italianu, at naradu a sa commissione chi cheriat sighire s’esame faeddende de s’istòria sarda e impreende sa limba nostra. Sa presidente de sa commissione (una professoressa italiana) bi l’at proibidu, narende chi issa est istràngia e pro custu non la cumprendiat. Devimus denuntziare cun fortza custa violèntzia contra a una pitzinna chi no at pòtidu esprimere sos pensamentos suos in sa limba nostra, comente cheriat issa, ca su de pòdere impreare sa limba pròpria in iscola est unu deretu fundamentale de sas persones e gai est cussideradu in totu su mundu. No est possìbile chi sos sardos siant galu custrintos a si adeguare a un’iscola pensada pro àtere e fundada subra de unu monolinguismu istèricu italianu, cun sa limba sarda tratada comente una limba istràngia in sa terra nostra, cando est una limba cumpresa e faeddada dae una parte manna de sos sardos. Sa possibilidade de impreare su sardu in iscola oe dipendet dae sa sensibilidade e dae sa bona voluntade de sos mastros e de sos professores, ca non b’at nemos chi facat rispetare sos diritos linguìsticos de sos sardos. Pro nois, sa connoschèntzia de sa limba sarda no est una cosa “in prus”, ma una cosa importante meda pro sa formatzione de sos tzitadinos sardos de cras, chi devent partire dae sa connoschèntzia de sa limba e de sa cultura issoro pro arrivare a cussas de sos àteros pòpulos. Continua a leggere ‘No a sa discriminatzione de sa limba nostra’

Biàgios

Social

Facebook     Twitter     Feed RSS  

In primo piano

 

marzo: 2019
L M M G V S D
« apr    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Formas
S'Urtima nova