> Antipasti « ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Archivio della categoria ''

Frisciura a suchitu

Mossu partidu, bene ‘odidu

Ingredienti

Porzioni: 4

600g Coratella d’agnello o di caperetto
1 cipolla300g d’olive nere
un bicchiere d’aceto di vino rosso q.b.
1 pomodoro secco
sale
olio etravergine d’oliva

Lavare la coratella, asciugarla e tagliarla a tocchetti.
Mondare la cipolla, ridurla a julienne e farla appassire con l’olio extravergine d’oliva, indi unire il pomodoro secco e la coratella. Lasciare rosolare il tutto a fuoco lento. Trascorsi 8 minuti circa bagnare la frisciura con un ramaiolo d’acqua calda e isaporirla con il sale. Coprire la pentola e lasciarla sobbollire per circa 1 ora, unendo, se fosse necessario, altra acqua calda. Trascorso il tempo indicato, scoperchiare la pentola e aggiungere le olive e l’aceto. Far ritirare il liquido a recipiente scoperto, spegnere il fuoco e servire la pietanza.

Vino consigliato: Mandrolisai rosso

Atastus: Peixeddus de angioni a iscabéciu

Pani e casu e binu arrasu

Ingredienti

Porzioni: 6

5 piedini d’agnello
1 spicchio d’aglio
prezzemolo q.b.
aceto di vino rosso
sale q.b.
olio extravergine d’oliva
2l d’acqua
peperoncino Continua a leggere ‘Atastus: Peixeddus de angioni a iscabéciu’

Consigli culinari: Ous a s’argu

Stacco sulla cucina. Maurice è ai fornelli. Maniche di camicia alzate, pantaloni grigio scuro, calzini neri. Scarpe, no. Niente scarpe. Quattro uova, pirofila imburrata, una confezione di ricotta e una scatola di asparagi bianchi. Cosa ci fa questa strana combinazione di cose in cucina, solo Dio sa. E Maurice è lì che sperimenta. Rompe le uova, le mischia con la ricotta, allinea gli asparagi e grattugia un po’ di Emmenthal comprato alla drogheria europea dell’angolo. Accende il forno e guarda l’orologio.                                                                                                                                                                                                                              (L. Marini, Vaniglia, 2003)

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

8 uova
1 spicchio d’aglio
70g circa di pane grattugiato
sale
aceto q.b.
olio extravergine d’oliva
prezzemolo

Mettere le uova in un pentolino colmo d’acqua fredda. Dopo aver acceso il fuoco farle lessare per sette minuti dal momento dell’ebollizione, le uova dovranno risultare sode. Una volta cucinate, sgusciarle e farle raffreddare, indi tagliarle in due nel senso della lunghezza.
Sistemare le uova con il tuorlo rivolto verso l’alto in una padella con sei cucchiai d’olio extravergine d’oliva, condirle con un pizzico di sale e, acceso il fuoco, farle insaporire a fiamma tenue irrorandole con qualche goccia d’aceto. Quando questo sarà evaporato, spegnere il fornello e trasferire le uova sgocciolate in un piatto da portata. Nell’olio rimasto in padella far appassire l’aglio tritato insieme a un ciuffo di prezzemolo, unire il pangrattato fino a farlo dorare a fuoco lento, versare la salsetta sulle uova e gustarle tiepide.

Vino consigliato: Nuragus di Cagliari

Consigli culinari: Pani gutiau cun casu

Vedi, il matrimonio non è come un piatto di antipasti. Non puoi prendere solo ciò che ti piace: o tutto o nulla.

(Stanley Donen, L’erba del vicino è sempre più verde, 1960)

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

4 fogli di pani carasau
pecorino stagionato grattugiato q.b.
sale
olio extravergine d’oliva

Prendere i fogli di pani carasau, condirli con un pizzico di sale e spennellarli con l’olio extravergine d’oliva, indi cospargerli di pecorino grattugiato. Infornare i fogli a 160 °C e lasciarli scaldare senza far gratinare il formaggio. Servire.

Vino consigliato: Campidano di Terralba

Consigli culinari: Mandiari de carasau cun birduras

E’ facile sgranare i piselli. Una pressione del pollice sulla costola del baccello e quello si apre, docile, offerto. Alcuni, meno maturi, sono più recalcitranti – un’incisione dell’unghia permette allora di lacerare il verde e di sentire l’umidore e la polpa densa, appena sotto la buccia falsamente scabrosa. Poi si fanno scivolar giù le palline con un solo dito. L’ultima è davvero minuscola.

(Philippe Delerm, La prima sorsata di birra e altri piccoli piaceri della vita, 1998)

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

4 fogli di pani carasau
400g di piselli freschi sgranati
500g di zucchine
5 cucchiai d’olio extravergine di oliva
mezza cipolla
120g di prosciutto cotto a dadini
2 rametti di maggiorana
1dl di vino bianco secco
1 spicchio d’aglio

Scaldare in una padella due cucchiai d’olio extravergine d’oliva, unire la cipolla tritata e il prosciutto cotto e far soffriggere il tutto a fuoco medio per 3-4 minuti.
Aggiungere i piselli, una presa di sale, la maggiorana, il vino e 1,2 dl d’acqua. Cuocere per circa 20 minuti, e se necessario, aggiungere altra acqua calda.
A parte, lavare e spuntare le zucchine, indi grattugiarle e farle saltare per 5 minuti in una padella antiaderente con l’olio rimasto, l’aglio sbucciato e leggermente schiacciato, 2 dl d’acqua e un pizzico di sale. Coprire e far cuocere per altri 4 minuti prima di spegnere il fuoco, indi frullare il tutto fino a ottenere una crema omogenea.
Spezzettare i fogli di pani carasau, ammorbidirli in acqua fredda e disporne uno strato in una pirofila. Alternare strati di crema di zucchina, piselli stufati e pezzi di pane. Infine mettere in forno la pietanza a 180°C per 10 minuti. Servire subito.

Vino consigliato: Vermentino di Gallura

Biàgios

Social

Facebook     Twitter     Feed RSS  

In primo piano

 

dicembre: 2019
L M M G V S D
« apr    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Formas
S'Urtima nova