> Documentus | ilMinuto

Archivio della categoria 'Documentus'

Documento: Claudia Zuncheddu scrive a Giorgia Meloni

LETTERA APERTA ALL’ON.LE GIORGIA MELONI

SULLA SUA DICHIARAZIONE “VERGOGNA A CAGLIARI, PRIMA I MIGRANTI IN OSPEDALE”. PORTEREBBE LA SUA SPECULAZIONE XENOFOBA IN PARLAMENTO.

Rispetto al suo sdegno di fronte ad una circolare di ordinaria amministrazione di un ospedale cagliaritano, prevista in situazioni di emergenza e l’impegno del suo partito nel “chiedere in ogni sede istituzionale che si faccia chiarezza su questa ennesima vergogna….”, rispondo: che gaffe xenofoba onorevole!

“Bloccare i ricoveri programmati e dimettere i pazienti dimissibili”, sarebbe l’ordine di servizio della circolare della Direzione sanitaria dell’ospedale San Giovanni di Dio di Cagliari, che avrebbe “scioccato” l’on.le Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia.

Un provvedimento normale in previsione di un nuovo sbarco di migranti a Cagliari, tra cui bambini e cadaveri di persone che non ce l’hanno fatta.

Di fronte a tanto orrore sì che mi sarei aspettata il suo shock. Ma quando l’abbruttimento della Politica inaridisce anche i sentimenti di pietà, si perde ogni speranza. Continua a leggere ‘Documento: Claudia Zuncheddu scrive a Giorgia Meloni’

Su Fronte Indipendentista Unidu Casteddu a favore de sa LSC e de su traballu de su CSU

Pro su Fronte Indipendentista Unidu Casteddu sa chistione de sa limba est una chistione de importu mannu.
Su sardu est una limba ùnica, ma, comente totu is limbas naturales (crèschidas in buca a sa gente e non fatas dae is iscritores a taulinu) est una variedade linguìstica diatòpica e unu diasistema chi ponet in pare “variedades” linguìsticas medas, chi non benit bene a crarire “cantas” sunt, ca a segunda de is classificatziones possìbiles podent èssere duas o una pro ogni territòriu, o una pro ogni bidda, o fintzas una pro ogni persone chi faeddat custa limba. Dipendet isceti dae sa prospetiva chi s’istudiosu leat pro ddas castiare.

Is limbas pro crèschere e s’isvilupare ant bisòngiu de unu mercadu culturale prus mannu possìbile, e nois chi semus unu pòpulu de 1.600.000 persones non nos podimus permìtere de partzire unu mercadu culturale chi est giai minore (su de is sardòfonos) cun duas o prus normas ortogràficas ufitziales de impreare in is iscolas, in is ufìtzios e in totu is publicatziones. Continua a leggere ‘Su Fronte Indipendentista Unidu Casteddu a favore de sa LSC e de su traballu de su CSU’

Litera de su CSU a su Presidente Pigliaru e a s’Assessora Firino

Su CSU, COORDINAMENTU PRO SU SARDU UFTZIALE, a pustis de s’assemblea de su 14 de làmpadas in Santa Justa in ue fiant presentes belle 200 ativistas, at imbiadu prus de una lìtera a su Presidente Pigliaru e a s’assessora Firino pro pedire un’addòbiu cun una rapresentàntzia de su Coordinamentu.

Dae pagu ant torradu risposta dae s’Assessoradu narende chi in custu momentu non podent retzire su CSU ca b’at àteras prioridades e àteras urgèntzias. Sa limba sarda, duncas, no est pro custu guvernu una prioridade ma un’òpera de arrangiare prus a innedda. Continua a leggere ‘Litera de su CSU a su Presidente Pigliaru e a s’Assessora Firino’

Documentu. aMpI: “Bastat cun su bochidorgiu sionista in Palestina!”

Dae paritzas dies sos sordados cun s’isteddu de David, boginos sionistas de su de 4° esèrtzitos prus fortes de su mundu, sighint a bombardare dae chelu, dae terra e dae mare, masellende sa populatzione tzivile palestinesa chi istat in Gaza, unu territòriu minore meda in ue sunt acorradas prus de unu millione e mesu de persones.

Non b’at de crèere mancu a una paràula de totu su chi nos narant sos mass-mèdia otzidentales, ca sos palestinesos mortos o fertos ant a èssere meda de prus de su chi nos ant a contare, e gasi at a èssere fintzas pro sos palestinesos arrestados a trumas, sas domos issoro ghetadas a terra e totu sos crìmines chi connoschimus de sas fortzas armadas nazi-sionistas. Continua a leggere ‘Documentu. aMpI: “Bastat cun su bochidorgiu sionista in Palestina!”’

Manifesto d’Intenti dei Comitati Sardi InRETE

La storia recente della Sardegna è quella di un territorio costellato di progetti economicicalati dall’alto e dall’esterno, progetti i cui benefici restano in capo alle lobbies economico-finanziarie che li propongono, laddove i costi di tali progetti sono invece scaricati sulla collettività, attraverso gli incentivi economici, i danni ambientali, sociali ed economici da essi causati. Si tratta di un meccanismo collaudato che si ripete da decenni e lascia dietro di sé un tessuto economico incapace di provvedere autonomamente alle proprie necessità, comunità sfilacciate, costrette ancora oggi a vedere le energie più fresche allontanarsi alla ricerca di quelle possibilità che una progettualità ad uso e consumo di pochi ha cancellato; un paesaggio ferito da interventi decontestualizzati e privi di qualsiasi relazione con l’ambiente circostante e l’economia locale, un territorio privato delle competenze e delle popolazioni che ne garantiscano la tenuta e l’assetto. Continua a leggere ‘Manifesto d’Intenti dei Comitati Sardi InRETE’

Biàgios

Social

Facebook     Twitter     Feed RSS  

In primo piano

     

    maggio: 2017
    L M M G V S D
    « mar    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
    Formas
    S'Urtima nova